Corti italiane e storiografia europea.
Linee di lettura*


di Maria Antonietta Visceglia

 

1
Il retaggio di un dibattito storiografico importante

Che la corte abbia costituito allo stesso tempo una specificità della storia italiana e un punto di contatto con la storia europea è un’acquisizione certamente non recente: su questa certezza si è anzi costruito in Italia – con un intreccio di competenze e di apporti disciplinari – un filone importante di studi che ha avuto una sua sede istituzionale – il centro studi “Europa delle Corti” – e una collana che ha già superato i cento titoli. Lungi dall’esaurirsi, il tema “corte” appare oggi ancora un’arena storiografica di confronto tra medievisti e modernisti, tra storici della letteratura, dell’arte e storici tout court e un terreno concreto per misurare possibilità e limiti di un’analisi comparativa tra diverse realtà europee, in ogni caso un filone di ricerca vivo e ancora carico di potenzialità, di ampliamenti e di sviluppi.
Cercherò in questo mio intervento di ricostruire brevemente senza alcuna pretesa di esaustività i percorsi storiografici degli ultimi decenni, individuando alcuni punti nodali del dibattito e di soffermarmi soprattutto sulle ricerche significative e più recenti e sulle ipotesi che le animano.
Tra la fine degli anni Settanta e gli anni Ottanta il tema della corte in ambito italiano è prevalentemente anche se non esclusivamente un problema di testi: «quella foresta di libri» – l’espressione è di Adriano Prosperi – «sulla corte e sul cortigiano su cui svetta l’opera di Baldassare Castiglione»1, il grande libro europeo che offre alle corti dell’antico regime un modello culturale capace di resistere nella lunga durata. L’idea forte che anima il seminario del 1978 su corte e “cortegiano” pubblicato nel 1980 in due volumi, a cura rispettivamente di Carlo Ossola e di Adriano Prosperi2, è che il testo del Castiglione costituisca un codice totale di comunicazione, contenendo la «regula universalissima» che si può declinare a livello dei comportamenti sociali, dei gesti, dei modi di conversare, ma anche di norme morali e politiche.
«Il Cortegiano» – scriverà Amedeo Quondam nella Premessa alla sua edizione per Garzanti del testo di Castiglione – «diventa la grammatica fondamentale della società di corte sino alla Rivoluzione francese: e oltre, con gli opportuni adattamenti al nuovo ordine borghese. Assume le proporzioni di manifesto antropologico, inscrivendo un campo semiotico (una vera e propria tipologia culturale, una modellizzazione) di rilevanza e durata formidabili, che attiva – soprattutto – altri discorsi e altre grammatiche anche parziali»3. Un giudizio che Quondam è andato arricchendo e approfondendo nei suoi studi successivi, ma sostanzialmente confermando: «la cultura moderna sarà tale soprattutto, o solo, perché sarà la cultura del gentiluomo moderno»4 e Il Cortigiano è il libro della transizione «da quanto risulta ormai gotico alla modernità dispiegata e trionfante»5.
Tornerò tra breve su questo tema nodale di un modello cortigiano come “forma del vivere” che forgia la cultura occidentale e che intreccia la modernità agli elementi più alti dell’eredità greco-romana, accennando anche alle obiezioni che le idee della lunga permanenza e della generalità del modello hanno suscitato.
Vorrei però intanto sottolineare come negli anni Settanta, quando l’interesse per la corte cominciò a connotare gli studi italiani ed europei sulle radici della cultura occidentale e sulle sue dinamiche di lungo periodo, la pubblicazione nel 1969 del volume Die höfische Gesellschaft e il riconoscimento della grande opera di Norbert Elias contribuirono in maniera decisiva a rafforzare l’opinione storiografica che l’organizzazione della società di corte potesse essere considerata paradigmatica di un più generale processo di civilizzazione dell’Occidente. Era questa – come è ben noto – la novità maggiore del significato che la corte, secondo Elias, aveva assunto nello sviluppo della storia europea. Su questo punto i rinvii testuali potrebbero essere assai numerosi, ma permettetemi di citare un solo passo dell’Introduzione a La società di corte che contiene due idee importantissime: il rapporto città-corte e la considerazione della centralità della corte nella struttura sociale d’antico regime. Scriveva Elias:

I tipi umani più determinanti, esemplari e influenti della nostra società provengono dalla città o perlomeno ne hanno subita l’impronta. In questo senso, quindi, i cittadini sono rappresentativi della nostra società. […] Nei secoli xvii e xviii, invece, la corte ebbe proprio quest’importanza rappresentativa e centrale per la maggior parte dei paesi dell’Europa occidentale. A quell’epoca non era ancora la “città” ma la “corte”, e la società di corte, la matrice capace di esercitare la massima influenza ovunque. La città non era che la “scimmia” della corte, come si diceva nell’ancien régime6.

Certamente vi è stato nella recezione tardiva di Elias una sorta di equivoco: lo sradicamento dell’opera dalla cultura filosofica e sociologica tedesca, all’interno della quale era stata concepita e realizzata negli anni Trenta, faceva apparire Elias un interlocutore di Ariès o di Foucault e comunque attraverso e a fianco di questi autori la sua interpretazione della civiltà delle buone maniere e della società di corte si diffuse in Francia e in Italia7. D’altra parte, enfatizzando la considerazione della centralità della corte nella struttura sociale d’antico regime considerandola la chiave di volta per comprendere ogni aspetto della vita europea, si finì col dare scarso rilievo alla peculiarità del caso di studio proposto. Elias era partito non soltanto dallo studio dei comportamenti ma anche dal problema della genesi dello Stato moderno e delle sue forme politiche indagate attraverso categorie tratte dalla sociologia, quali configurazione, interdipendenza, processo, mutamento sociale.
Perché Elias aveva scelto la corte del re Sole?8 Perché permetteva, a suo parere, di verificare al meglio il concreto funzionamento di quelle categorie. Nel contesto delle relazioni asimmetriche e rigidamente disciplinate dall’etichetta di Versailles il gioco sociale della corte appariva in tutta la sua purezza. La corte di Luigi xiv era il luogo di approdo di un lungo processo di addomesticamento della nobiltà, processo che ne aveva eroso il potere consolidando lo Stato assolutistico, un luogo ideale per un sociologo per studiare gli individui nella rete di interdipendenze reciproche che li limitano. Se funzionava allo stesso modo la corte di un principe e quella di un sovrano assoluto, quale fosse la genealogia del modello cortigiano non erano temi ascritti nell’orizzonte di Elias e perciò può sembrare arbitrario mettere in relazione gli studi italiani del centro studi “Europa delle Corti” con la problematica eliasiana. In realtà, nel concreto svolgersi delle ricerche e nelle tappe del dibattito italiano questo rapporto – in negativo come assenza e in positivo come possibile punto di riferimento – vi è stato ed è stato anche esplicitato.
In questo senso utili riferimenti sono, ad esempio, nel volume La Corte nella cultura e nella storiografia. Immagini e posizioni tra Otto e Novecento9. In esso il modello di Elias è considerato troppo noto perché lo si debba riesaminare10 o comunque poco utile per descrivere e interpretare la situazione italiana caratterizzata da «diversi modelli di piccole corti, fra loro fortemente differenziate, perché non è possibile assimilare tipologicamente il Piemonte sabaudo al Ducato farnesiano o al Granducato toscano»11. Albano Biondi, d’altra parte, coglieva il filo di «una processualità che va dal Cortegiano di Baldassar Castiglione alla Ragion di Stato di Giovanni Botero»12, cioè dalla corte-cultura alla corte-potere, un’evoluzione importante che però si arrestava proprio alle soglie del periodo indagato da Elias. Giustamente, in sede di bilancio del volume, nelle pagine introduttive Cesare Mozzarelli e Giuseppe Olmi annotavano: «Incidentalmente si può notare poi come di fatto, Elias in questo volume sia del tutto assente. Non per ignoranza o snobismo quanto piuttosto per la perplessità che la sua proposta di scrivere “un’altra storia” della modernizzazione (non politico-economica, ma psicologico-sociale) alla fin fine provoca»13.
La difficoltà del confronto in Italia con il modello di Elias nasceva, a mio parere, oltre che dalla diversità delle coordinate concettuali di riferimento dei due approcci – letterario e formale quello italiano, sociologico-filosofico quello di Elias –, anche dalla divergenza della periodizzazione nello studiare il fenomeno “corte”. La lunga durata del modello culturale cortigiano alla quale alludeva Quondam si arrestava alle soglie dell’Ottocento14, ma la sua profondità genealogica fissava l’archetipo nell’età di Erasmo e di Castiglione. Il sistema della società di corte seicentesca, il cui funzionamento era stato ricostruito da Elias, non era d’altra parte impiantato all’interno di una periodizzazione rigorosa. Il problema della continuità del sistema-Versailles con la corte dei Valois che pure Elias pone nel testo è all’interno di una generica riflessione sulle modalità del «processo di mutamento sociale senza appoggiare l’idea di una continuità assoluta […] o l’idea di una assoluta discontinuità»15.
D’altra parte, se l’irrigidirsi delle regole della società di corte e lo spostamento del potere sociale in strati fino ad allora non privilegiati hanno come esito «l’esplosione violenta della rivoluzione francese»16, pure l’«impronta specifica» della civiltà di corte si impresse per una durata che superò quest’ultima cesura: «questa società aristocratico-cortese […] lasciò sul piano della civiltà e della cultura un segno che penetrò poi nella società professionale-borghese dove fu assorbito e ulteriormente sviluppato»17. Proprio quest’aspetto dell’interpretazione eliasiana era enfatizzato da Roger Chartier nella Prefazione all’edizione Flammarion de La Société de Cour: il modo di vita della corte diventava un modello al quale si applicava il concetto di imitazione intersociale, non solo da parte dei gruppi borghesi d’antico regime, ma anche da parte di quelli successivi18.
Ma è su questo punto, penetrato profondamente nel sentire storiografico degli anni Ottanta, che si è registrata una svolta interpretativa: dopo essere stato il libro di riferimento insostituibile per storici e sociologi, La società di corte è stato sottoposto negli ultimi anni a verifiche e critiche severe. Si è obiettato che gli studi di Elias sono fondati su «materiali storiografici otto-novecenteschi» e che le categorie in essi applicate, quali declino della nobiltà, assolutismo, società gerarchica, si sono riempite di contenuti nuovi, che l’immagine della corte in cui i nobili appaiono «compressi tra il martello del potere regio e l’incudine della crescente classe media» non rende conto delle reali dinamiche sociali e del conflitto fazionale19.
Anche nella storiografia francese sono maturate decise prese di distanza. Olivier Chaline non ha esitato a scrivere che, facendo salva qualche eccezione, «le phénomène de la cour pris en tant que tel a rarement été abordé par les historiens français»20 e ha lamentato come il riferimento esclusivo al modello di Elias abbia avuto come conseguenza l’assenza di altri approcci alla corte – ad esempio che rendano conto anche della dimensione religiosa, solitamente trascurata. Emmanuel Le Roy Ladurie ha impietosamente stigmatizzato l’uso fatto dal sociologo tedesco dei Mémoires di Saint-Simon, staccati dal loro contesto immediato, «traduites et retraduites de français en allemand et puis à nouveau en français»21 e, facendo più volte riferimento allo storico americano Daniel Gordon, ha rifiutato la tesi delle origini cortigiane della politesse borghese22.
È inutile attardarsi su queste critiche: possiamo solo evidenziare che esse concordano nel sostenere che non nella società di corte, ma negli ambienti meno gerarchizzati dei salotti e delle accademie prese origine la sociabilità borghese contemporanea.
In ogni modo il mito della lunga durata del modello di società di corte francese e della continuità tra regole cortigiane e i modi di vita e di relazione delle società borghesi contemporanee che era sullo sfondo dell’opera eliasiana è oggi infranto o almeno posto in discussione.
Ma parallelamente, negli anni Novanta, voci critiche si sono anche levate rispetto all’interpretazione che della cultura di corte elaborata nell’Italia del Rinascimento e de Il Cortegiano come espressione più alta di quella temperie avevano offerto gli studi italiani, ancorati anch’essi al convincimento che il modello costruito nelle corti italiane rappresentasse un codice totale, una grammatica sociale valida ben al di là del suo periodo storico di riferimento. La critica più severa è venuta dallo storico inglese Trevor Dean che, nel suo intervento al convegno storico svoltosi a Chicago dal 26 al 29 aprile 1993, ha rimproverato agli studiosi italiani che hanno adottato quello che egli definisce «un approccio strutturalista» di trascurare le forme e le varianti storiche concrete del fenomeno “corte” e di presentare la corte come uno spazio chiuso, un palcoscenico teatrale in cui i cortigiani si muovono come attori23. Pur cogliendo alcuni limiti reali, i rilievi di Dean finiscono per essere ingenerosi rispetto al grande lavoro di scavo compiuto su singole corti, quella di Urbino, di Ferrara e di Mantova in particolare, e anche parziali rispetto alla indubbia legittimità di una prospettiva di studio basata su un approccio interdisciplinare che tiene conto anche delle espressioni letterarie e artistiche della cultura cortigiana.
La critica di Dean non è stata però isolata. Nel suo volume sulla fortuna de Il Cortegiano, pubblicato in inglese nel ’95, tradotto in italiano nel 1998, Peter Burke24 ha ripercorso la storia del testo nella sua genealogia, nei suoi percorsi editoriali25, nelle sue traduzioni più o meno tempestive – in Spagna nel 1534, in Francia nel 1537, in Inghilterra nel 1561, in Germania nel 1565 – complicate anche da non indifferenti problemi di traducibilità (ad esempio i termini cittadino e civile sparirono in castigliano26), concludendo che a partire dai primi decenni del Seicento (1619), il pubblico perse interesse per il dialogo e le edizioni diminuirono bruscamente salvo sporadici risorgimenti27. Non è questo il luogo per richiamare le ragioni di questa perdita di influenza che peraltro sono note: da un lato le delicate vicende delle espurgazioni censorie28 e dall’altro il prevalere di un modello di “cortigiano cristiano”, imposto dai gesuiti in coerenza con il clima culturale della Controriforma – un testo emblematico è in questo senso quello del gesuita senese Bernardino Castori, non a caso dedicato al duca di Urbino, nel quale la corte è rappresentata come un teatro in cui ciascuno è burattino dell’altro, dove si può anche “fabbricare” la propria fortuna, ma difficilmente crescere nella “virtù”29. Vorrei però solo concludere l’esposizione del punto di vista di Burke precisando come anche secondo lo storico inglese tanto la tradizione francese dell’honnête homme, quanto quella inglese del gentleman, pur essendo spesso singole opere di questi filoni letteralmente un plagio de Il Cortigiano30, non possono essere lette in continuità con la cultura di corte del Rinascimento italiano: si rivolgono a un altro pubblico, nascono da situazioni sociali e politiche incommensurabili.
Inoltre, il gruppo curiale del Seicento francese è unico e centralizzato, l’Italia del Quattrocento e Cinquecento era caratterizzata da un arcipelago di corti e da élites cortigiane che, lungi dall’essere “prigioniere” della gabbia dorata della corte, circolavano da un punto all’altro della penisola, avendo spesso anche punti di riferimento culturali e politici extraitaliani.
I revisionismi storiografici degli anni Novanta sul tema corte rispetto sia alla sociologia di Elias, sia alla tradizione italiana di studi, pur essendo diversamente motivati, concordano infine nel problematizzare il topos della lunga trasmissione del modello cortigiano e nello spostare l’asse delle ricerche dai modelli alle analisi del concreto funzionamento delle corti, del personale, delle risorse e dei processi decisionali. La logica del revisionismo deve però anche accompagnarsi a un adeguato e credo ineludibile riconoscimento dell’importanza degli studi sulla corte negli anni Settanta-Ottanta che hanno avuto il merito di rimuovere definitivamente una visione storiografica ottocentesca soprattutto italiana – Burckhardt è fuori da questo schema – capace di resistere fino agli anni Sessanta del Novecento in cui la corte, rappresentata come «miscela di assolutismo e corruzione», sarebbe all’origine della decadenza italiana, costituendo un ostacolo all’affermazione dello Stato moderno31.

2
Borgogna, Spagna, Francia tra medioevo ed età moderna:
modello o modelli di corte?

Come è mutato il questionario sul tema corte nell’ultimo decennio?
Un testo a mio parere di notevole rilevanza storiografica e metodologica rimane tuttora l’Introduzione di Ronald Asch al volume Princes, Patronage and the Nobility. The Court at the Beginning of the Modern Age (1991) nella quale sono formulate alcune proposte importanti:
1. La periodizzazione: in alternativa all’idea tradizionale del Rinascimento come blocco organico tra xiv e prima metà del xvi secolo, Asch suggerisce sì di studiare la corte nel lungo periodo, ma al di qua della piena affermazione dell’assolutismo. La diacronia da lui proposta – 1450-1650 – significa anzitutto che la posizione e la struttura delle corti europee nell’età moderna sono il risultato dei cambiamenti che avevano avuto luogo alla fine del medioevo. Come egli scrive, le corti moderne emergono dalle Case (Households) di re e principi medievali32.
2. Invece di cercare il modello di corte a scala europea, Asch sottolinea che i mutamenti nella realtà sociale della corte tra medioevo ed età moderna si articolano in modo vario, intrecciandosi strettamente all’irrobustirsi del concetto di sovranità. Nel medioevo la corte del signore era soltanto una versione più grande della corte dei vassalli del re; nella prima età moderna, anche se permangono esempi di corti feudali o familiari (grandi corti principesche, corti cardinalizie, ad esempio), la casa del signore accresce taglia e funzioni, acquista compiti politici e amministrativi. Ma soprattutto la corte moderna diviene «a platform for the cult of majesty»33.
3. La corte non può essere considerata un sistema chiuso; al contrario, essa si definisce come un social milieu con specifiche regole di comportamento e un suo stile di vita34. La dimensione essenziale del fare corte era l’accesso al sovrano: la Casa poteva esistere in assenza del sovrano, ma la corte no, onde l’importanza degli spazi in cui era possibile avere udienza dal sovrano e dei modi che la regolavano.
Quest’approccio che programmaticamente si propone di considerare la transizione tra medioevo ed età moderna come momento centrale del fenomeno corte ha ricevuto notevoli consensi. L’Introduzione scritta da Maurice Aymard e Marzio Romani al dodicesimo Congresso internazionale di storia economica di Madrid, ad esempio, si basa sulla periodizzazione di Asch, nonché sull’idea della corte «point de contact entre les souverains et le groupes sociaux dominants», piuttosto che «lieu de domestication»35. I due storici propongono non un modello, bensì una tipologia di corti che corrisponderebbe ad un’evoluzione nei tre secoli dal xv al xvii. La corte consorziale, la curtis arcaica della fine del medioevo, sarebbe caratterizzata da una struttura sociale coerente – la familia – e da risorse consistenti in indivisi patrimoni e signorie, da una clientela poco numerosa e da un potere che si esercita in contesti ancora municipali e molto conflittuali, per una delega popolare spontanea o imposta. La corte signorile è rispetto alla corte consortile una struttura consolidata, che ha esteso il suo potere sul territorio e lo ha rafforzato al di fuori del consenso popolare cercando altre forme di legittimazione (l’investitura papale o imperiale ad esempio) e perseguendo, attraverso il mecenatismo e la magnificenza, costosi investimenti simbolici. La corte burocratica e rituale è caratterizzata da una separazione tra Casa-corte e Stato e da una professionalizzazione dei ruoli.
Questa morfologia per la verità non è nuova, essendo stata proposta dallo stesso Romani nella relazione presentata insieme a Cattini al seminario organizzato dal Centro studi “Europa delle Corti” a Ferrara tra il 20 e il 25 ottobre 198036. Essa costituisce, comunque, un utile schema di riferimento per considerare insieme gli aspetti politico-sociali della corte e quelli legati ai comportamenti e all’uso delle risorse ma, essendo stata concepita inizialmente per le corti padane, può difficilmente essere generalizzata su scala europea e inoltre ha il limite di proporre un modello di evoluzione simile alla teoria degli stadi in economia.
Anche John Adamson nel suo lungo saggio introduttivo a The Princely Courts of Europe (1999) parte dalla definizione della corte come milieu: «a far larger matrix of relations, political and economic, religious and artistic, that converged in the ruler’s household»37 e adotta una diacronia di lunga durata, ritagliata però su una periodizzazione tradizionale della modernistica – dalla Riforma alla rivoluzione francese38 – eludendo quindi il nodo fondamentale della transizione dalla corte medievale alla corte di età moderna. Tuttavia Adamson definisce il campo problematico in cui si colloca quella che egli definisce «a new court history»39: una prospettiva diversa dall’impostazione funzionalista e liberata dalle categorie di “assolutismo e di “propaganda”. Scrive Adamson:

Reconsideration of the courts and its culture suggests a very different approach to the sovereignties of early modern Europe. In place of the modern notion of the unitary nation state, with its bureaucratic institutions, clearly defined borders and relatively integrated cultural and linguistic identity, there is the much looser contemporary concept of “realm”: less a clearly defined territorial entity than a collectivity of subjects owing allegiance to a particular sovereign40.

In conclusione possiamo dire che la storiografia più recente è concorde nell’indicare nella precisazione di modi e tempi del passaggio dalla corte itinerante alla corte residenziale, nello studio delle trasformazioni all’interno della Casa del principe e, parallelamente, in una chiara definizione delle forme della sovranità regale e principesca e dei linguaggi del potere le griglie attraverso le quali affrontare la comparazione tra le corti europee.
Una ricostruzione esaustiva degli apporti di questa «nuova storia delle corti» nella sua complessa articolazione europea supera l’obiettivo di queste pagine. Tuttavia tenteremo di renderne conto offrendo un sia pur rapido quadro della transizione dalla corte medievale alla corte moderna considerando le modificazioni indotte all’interno della Casa dal passaggio da una corte itinerante a una corte residenziale e dalla costruzione di forme più complesse di sovranità per i tre modelli di corte d’oltralpe che hanno avuto più stretti rapporti culturali e politici con gli antichi Stati italiani – cioè la Borgogna, la Francia, la Spagna.
Per i Paesi Bassi è stata ricostruita la complessa geografia delle residenze dei duchi di Brabante dal 1363 al 1430 (Bruxelles, Lovanio, Anversa, Bois-le-Duc), dei conti di Olanda (Hainault, Bruxelles, Gand, Parigi)41 e anche il numero di giorni trascorsi da Filippo il Buono e Isabella di Portogallo a Bruxelles, la loro città preferita tra il 1430 e il 1465. Le autorità urbane di Bruxelles, sperando che il duca stabilisse la sua residenza nella città, decise, nel 1430-32 e nel 1451, di allargare il parco vicino al palazzo ducale e di costruire a proprie spese, indebitandosi per diversi decenni, nuove hall, ma Carlo il Temerario, nel 1473, stabilì la Chambre de Comptes a Malines che divenne residenza della corte fino al 1530, quando essa si trasferì nuovamente e definitivamente a Bruxelles. Ormai il Ducato di Borgogna aveva cessato di vivere come principato autonomo e Bruxelles era una delle tante residenze della corte imperiale di Carlo v42.
Anche in Spagna l’itineranza della corte durò a lungo, complicata pure dall’unione dinastica delle corone di Aragona e di Castiglia. Con i re cattolici si delinea un insieme strutturato di alcázares e aposentos situati, in Castiglia, lungo l’asse Burgos, Valladolid, Tordesillas, Medina del Campo, Segovia, Madrid, Toledo, in Aragona a Saragozza, in Andalusia, a Cordova, Granada, Siviglia43: una geografia disuguale che addensava le residenze reali di utilizzo più frequente – eccezion fatta per le città andaluse e per Saragozza – nella Castiglia. Nel maggio 1561 la decisione di Filippo ii di trasferire la corte da Toledo a Madrid obbediva a molteplici ragioni, economico-politiche in relazione alla crescita e trasformazione della corte stessa, come vedremo tra breve, ma anche ideologiche e di rappresentazione, addicendosi a un sovrano essere al centro del suo regno, secondo il paradigma classico della medietas, e infine forse di non perfetta compatibilità con il forte potere spirituale dell’arcivescovo di Toledo, primate di Spagna44.
Infine in Francia il termine “capitale”, che fa la sua apparizione nel xiv secolo, è anzi tutto «une épithète d’honneur, denuée de toute valeur institutionelle précise», una qualificazione funzionale attribuita ad alcune città per essere sede del potere civile o ecclesiastico, «encore une autre manière d’être réputée “bonnes”»45. Nel xv secolo precisi elementi di gerarchizzazione emergono nella struttura urbana del Regno che si costruisce con convergenze multiple sulle “capitali” finanziarie, sui centri ove erano dislocate le magistrature e soprattutto su Parigi, città di taglia demografica gigantesca (200.000 abitanti nel 1328 e 100.000 nel 1450), «sede della dignità e della Maestà regia»46. Se dall’inizio del xiv secolo Parigi è considerata la capitale del Regno – cioè la città principale di Francia, che è dotata del Palais Royal e che ospita il Parlamento, le alte magistrature finanziarie e il Trésor des Chartes47 –, la corte francese fino all’inizio del Cinquecento non vi risiederà che sporadicamente. Secondo le circostanze politiche e militari altre città l’ospiteranno, soprattutto Tours dal 1444 al 152048. Anche nel caso della Francia, l’itineranza della corte si iscrive nei modi di funzionamento di un sistema politico ancora policentrico o, meglio, con un centro mobile. Le due regioni maggiormente investite dalle iniziative edilizie legate agli spostamenti della corte furono, come è noto, la valle della Loira e l’Île-de-France, regione, quest’ultima, in cui, dopo la fine della sua prigionia, Francesco i dispiegò un’intensa attività di costruzione di nuove dimore (ad esempio Madrid, Villers-Cotterêts) o di trasformazione di castelli medievali (Fontainebleau).
R. J. Knecht ha calcolato che dopo il 1528 Francesco i soggiornò 712 volte a Parigi, dove in quell’anno iniziò la ricostruzione del Louvre, 624 a Fontainebleau, 405 a Saint-Germain-en-Laye, 107 a Blois, 81 a Villers-Cotterêts, 77 ad Amboise49. L’itineranza della corte non era una mera sopravvivenza feudale, ma una pratica politica il cui significato è analogo a quello del viaggio del sovrano nel suo regno.
Come è stato dimostrato, nel 1564-66 in un momento di crisi politica, il tour di Carlo ix con la corte delinea una sorta di contorno periferico dello spazio del Regno per ribadire e materializzare il potere del re e della nobiltà, ma ciò non provoca un anomalo funzionamento delle istituzioni, la cui specializzazione è ancora in fieri, anzi «la grande plasticité des tâches et des structures laisse le champ libre à une pratique efficace du nomadisme»50. In ogni caso, se l’assenza del sovrano da Parigi è in questa circostanza assai lunga, essa non infrange una relazione tra la corte e la capitale, basata su una sia pur relativa continuità: nella durata ultradecennale, tra il 1561 e il 1575, su un totale di 2.534 notti Caterina de’ Medici ne trascorre a Parigi solo 570 cioè il 22,5% del tempo, percentuale che sale però al 47% sommando ai soggiorni parigini quelli trascorsi nelle grandi residenze regie dell’Île-de-France (Saint-Germain-en-Laye, Fontainebleau e Vincennes…)51.
Del resto, circa un secolo dopo, Versailles, costruita come una delle dimore reali da Luigi xiii, divenne la reggia per eccellenza per un lento e graduale processo e non per una decisione rapida. Versailles fu la conseguenza di un mutamento qualitativo profondo dello stile della corte e solo quando la residenzialità nel castello si fu consolidata, si trasformò in un poderoso strumento politico52.
Questi riferimenti al binomio itineranza-residenzialità della corte sono da porre in relazione, nei tre casi analizzati, al quadro geografico delle azioni politiche del principe e anche ai dati sull’ampiezza della Casa del sovrano e sull’articolazione tra uffici domestici e cariche “amministrative”, a partire dall’apparizione di fonti che permettano di quantificare il personale di corte, ripartito tra i diversi uffici, e di misurarne nel tempo i cambiamenti.
Werner Paravicini ha basato i suoi studi relativi alla corte di Borgogna sulla serie delle Ordonnances della Casa dei duchi che cominciano nel 1426 – un insieme documentario a parere dello studioso «unique in European history»53 – , oltre che sulla descrizione della corte elaborata nel 1473 da Olivier de la Marche, maître d’hotel e capitano della guardia di Carlo il Temerario e sui Mémoires di Eleonora di Poitiers, dama della duchessa Isabella di Portogallo. Emerge il quadro di una corte caratterizzata da un forte legame con l’aristocrazia militare: una “militarizzazione” già evidente nel 1433, quando l’ordonnance di Filippo il Buono impone che ogni membro della Casa del duca debba fornire un numero di uomini armati corrispondente a quello dei suoi cavalli, ma che si rafforza ulteriormente al tempo di Carlo il Temerario, quando l’entourage del principe ha proprio una doppia fisionomia: militare e cortigiana54. L’istituzione dell’ordine del Toson d’Oro (1430) esalta ancor più il legame tra sovrano e nobiltà cavalleresca, cifra specifica della corte di Borgogna. Ma questo carattere aristocratico non impedisce che la corte divenga nel Quattrocento il luogo di integrazione di élites più ampie: patrizi delle città, prelati, giuristi. Il numero di coloro che vivono a corte a spese del duca passa così da 234 persone, titolari di uffici nel 1426 a 1.030 nel 147455. La pratica del service par terme, che consisteva nella rotazione dei cortigiani che servivano a tempo parziale, agiva da moltiplicatore del numero di coloro che erano coinvolti nella gestione della corte, ampliandone la «surface sociale» e creando un legame aggiuntivo tra corte e paese56. Che quella borgognona sia stata un modello per le altre corti europee è stato un topos storiografico fino ad alcuni anni fa che ha cessato di essere una questione rilevante, laddove negli studi recenti l’enfasi è stata posta piuttosto sulla stretta interrelazione tra corte francese e corte borgognona. A livello economico alla fine del Trecento (1371-84) la città di approvvigionamento della corte, peraltro ancora un gruppo limitato tra 10 e 200 persone, è Parigi57. A livello organizzativo, il service par terme è l’applicazione di un’“invenzione” francese, già in uso alla corte di Carlo vi. Warner Paravicini conclude sostenendo che la corte di Borgogna, più che originale e innovativa, sia stata un tramite della tradizione francese in un’età di crisi di quest’ultima58: un’idea che ritroviamo già nel classico volume di O. Cartellieri che attribuisce ai duchi di Borgogna una sorta di appropriazione della royauté française come mostrerebbero pure i riti inaugurali: ad esempio l’entrata di Filippo il Buono a Gand nel 1458, orchestrata sul modello dell’Adventus59. In questo senso il fasto e il lusso che caratterizzavano la corte di Borgogna possono essere letti come una compensazione a un deficit di regalità in una gara di emulazione nei confronti della Casa regnante di Francia dalla quale la Casa di Borgogna prendeva origine, un meccanismo che – vedremo – ha un ruolo fondamentale anche nella storia di alcune corti italiane.
In ogni modo vi è una sorta di intreccio nella periodizzazione europea: la fase di maggiore splendore della corte borgognona corrisponde a un periodo di ripiegamento della corte di Francia durante il regno di Luigi xi60, mentre assistiamo a una dinamica di segno diverso nel primo Cinquecento.
La svolta verso una decisa crescita dei ranghi della corte può datarsi negli anni della spedizione in Italia di Carlo viii. Francesco i avrebbe dunque ereditato una Casa che, pur conservando la struttura medievale risalente al 1261, con la divisione in Sette Offici – la stessa della Casa di Borgogna – appariva necessitare di un numero più cospicuo di cortigiani e di maggiori risorse: i ranghi della corte passano infatti da 318 ufficiali nel 1490 a 366 nel 1495, a 540 nel 1523, a 622 nel 1535, mentre le spese per i salari da 65.915 livres nel 1517 si dilatano a 214.918 livres nel 153561. Tuttavia il sovrano che trasformò profondamente l’amministrazione finanziaria del Regno modificò poco quella della Casa reale – come del resto dimostra l’assenza di Ordonnances per il periodo relativo al suo governo – eccetto un’innovazione non insignificante come l’istituzione dei gentiluomini di camera, i “compagni” fedeli del re che avevano accesso alla sua persona e che svolgevano un ruolo che poteva essere politico, amministrativo, diplomatico, secondo i momenti e i bisogni62. All’inizio del Seicento nel suo fondamentale lavoro sul droit des offices C. Loyseau enfatizzava il mutamento avvenuto durante il regno di Enrico ii, quando per editto sovrano si stabilisce «que les Offices ne vaquent point à mutation de règne», trattandosi di uffici pubblici non attribuibili alla persona ma alla dignità del sovrano63. Pur essendo quella di Loyseau una proiezione retrospettiva di una concezione dell’ufficio che era maturata tra Cinque e Seicento, è innegabile che a partire dalla metà del Cinquecento con le Ordonnances d’Orléans (1560) e di Blois (1579) si andranno precisando lo statuto, i privilegi e i salari dell’officier domestique royal64. Per questo periodo – la seconda metà del Cinquecento appunto – gli studi hanno ben illustrato i molti e complessi aspetti dell’evoluzione della corte francese: l’introduzione da parte di Enrico iii nel 1578 , nel 1582 e nel 1585 di una vera regolamentazione cerimoniale che mancava alla corte di Francia come attestano più volte gli ambasciatori veneti, l’incremento ulteriore degli uffici che porta quasi a un raddoppio della taglia della corte (1.096 uffici nel 1585), mutamenti che aiutano a comprendere come, pur nei conflitti delle guerre civili e di religione, Enrico iii riuscisse a difendere l’idea della maestà della persona del re65.
D’altra parte, quello che era un carattere già evidente nella corte di Francesco i, cioè la compenetrazione tra pubblico e privato, tra informale e istituzionale66, non solo non si risolse in una maggiore separazione delle due sfere, ma andò al contrario accentuandosi. Jacqueline Boucher ha parlato di «commistione tra Corte e Stato» che prende i contorni frastagliati degli antagonismi fazionari: così una delle ragioni del grande potere dei Guisa, come clan nobiliare e come fazione politica fu nella loro capacità di monopolizzare le alte cariche della Casa del re. D’altra parte, la presenza degli uomini di toga, «più malleabili dei principi e dei nobili» nel Consiglio privato o di Stato, pur non essendo irrilevante era comunque minoritaria: 31,05% nel 1547, quando il Consiglio era composto da 29 membri; 17,3% nel 1560 con Francesco ii in un Consiglio di 23 membri; 23,2% tra il 1563 e il 1567 nel Consiglio di Carlo ix che contava 56 membri e infine 10,13% nel 1574 nel Consiglio di Enrico iii di ben 79 membri67.
Pure la figura dei segretari di Stato, creata da Enrico ii con un netto profilo politico, fu inserita nella corte, assumendo spesso i segretari di Stato anche il ruolo di segretari della Camera del re ed entrando nelle clientele dei Grandi attraverso i matrimoni68.
Nel primo Seicento il mutamento dinastico e poi, nel 1624, l’entrata di Richelieu nel Consiglio ebbero come contraccolpo un nuovo regolamento che smussò gli aspetti più rigidi del codice cerimoniale imposto da Enrico iii e un ridimensionamento della Casa del re, o almeno di alcuni segmenti di essa: nel ’24 appunto i segretari di Camera passarono da 316 a 11 e gli aumoniers da 252 a 1069. Il rapporto tra vicende politiche e organigramma della corte appare dunque evidente: il sistema del ministériat introduceva un’innovazione che mutava i meccanismi cortigiani e rendeva inutile una corte pletorica. Inoltre, queste discontinuità mostrano come sia falsamente semplificante l’immagine di una corte che si costruisce nel tempo progressivamente per aggiunte successive e come, al contrario, sia nel campo dell’etichetta che in quello della taglia dei segmenti che costituivano la Casa del re, nulla fosse fissato definitivamente.
La seconda metà del Cinquecento, individuata come cesura periodizzante per la storia della corte francese, rappresenta una svolta, come già si è detto a proposito della residenzialità, anche per la storia della corte degli Asburgo di Spagna.
Ma occorre anzitutto precisare i tempi e i modi dell’evoluzione tardo-medievale delle differenti corti che costituirono l’antecedente della corte asburgica.
L’organizzazione medievale della Casa reale di Aragona ci è nota attraverso le ordinanze di Pedro iii, risalenti al 1276-85, le Leges Palatinae, del 1337, di Jaime ii re di Maiorca, e le Ordinacions de Cort di Pedro iii, dettate tra il 1338 e il 1355. Secondo l’ordinanza del 1344 di quest’ultimo sovrano, essa si basava su un’articolazione in quattro uffici – il mayordomo che era il primo ufficiale della Casa e sovrintendeva alla famiglia, avendo la supervisione anche finanziaria della mensa e della cavallerizza, il camarlengo che aveva alle sue dipendenze gli ufficiali di camera che si occupavano della persona del re per quanto atteneva alle sue funzioni di governo (segretari) e alla sua persona fisica, il canciller, ufficio tecnico assai importante, di solito attribuito a un ecclesiastico, incaricato della registrazione e spedizione dei documenti emanati dalla Curia regis, infine il maestre racional che amministrava il patrimonio e le rendite regie – per un totale di 200 persone. Al Consiglio del re partecipavano gli ufficiali di più alto rango, ma «el consejo y la udencia no eran instituciones sino actos del Rey en la ejecución de sus prerrogativas de gobierno y justicia, para los que solicitaba el asesoramiento de personas de su confianza y a las que honraba como miembros de su Casa y corte bajo la denominación de consiliarius»70. Una osmosi totale dunque tra corte e governo, anche se Cancelleria, Audiencia e Consiglio assumono sempre più una dimensione pubblica e un’organizzazione burocratica.
Poco sappiamo sulla corte di Castiglia per il periodo antecedente ai re cattolici, anche se la storiografia assume come riferimento più antico nel tempo l’ordinanza di Alfonso x nelle Siete Partidas71. Alla fine del Quattrocento le Case dei due sovrani avevano dimensioni differenti: 400-500 persone per Isabella, senza contare il Consiglio, la Cancelleria, l’Audiencia, le Contadurías, mentre Ferdinando disponeva di una corte più ridotta e meno costosa, finanziata con risorse castigliane. Come è stato rilevato, vi era una differenza importante tra le due corone, poiché in Aragona vi era una precisa distinzione tra i redditi della fiscalità regia, gestiti con il controllo delle Cortes, e quelli del patrimonio del re, laddove in Castiglia la corte era il centro di distribuzione di gran parte delle finanze regie72. Tra il 1480 e il 1503 la somma erogata per la remunerazione degli offici delle Case dei due sovrani e degli infanti raddoppia passando da 53.500 a 110.000 ducati, cifra che però non rappresentava più del 15% del reddito ordinario della monarchia73. Questo andamento espansivo della spesa è anche relativo al numero crescente di persone al servizio dei sovrani: nel 1480 e nel 1482 la prima voce delle uscite per offici e remunerazioni è quella relativa ai continos, una figura tipicamente castigliana, nobili che erano totalmente dediti al servizio dei re, fosse esso svolto in ambito cortigiano, politico o militare e che ne ricevevano una quitación. Il numero dei continos crebbe moltissimo nella prima metà del Cinquecento raggiungendo il suo massimo nel 156174.
Queste diverse strutture e tradizioni cortigiane – castigliana e aragonese – che non furono integrate, ma giustapposte, composero, anche in questo caso senza annullarsi, la complessa corte di Carlo v75. Conservandosi le Case di Castiglia e di Aragona, il processo di instaurazione della Casa di Borgogna come nucleo più importante del servizio palatino-imperiale non poteva essere né breve né lineare. Esso comportò, già negli anni Venti, l’ingresso, in modo massiccio, di nobili, castigliani e aragonesi, che nel 1543 – quando la Casa di Borgogna contava 450 persone – erano già predominanti, eccetto che nella Grande e Petite Chapelle76. Parallelamente si ebbe una trasformazione culturale profonda che andò però in senso inverso con l’imposizione, non senza resistenze77, del modello cerimoniale borgognone (1548), certamente più confacente all’imperatore per ovvie ragioni di ascendenza e di formazione culturale, ma anche simbolicamente più prestigioso perché fondato su un’idea di regalità, certo estranea alla Castiglia78 e smisurata per il piccolo Stato borgognone, ma non per l’Impero79. Nell’intreccio del processo di crescita dei Consejos80 e della lunga ristrutturazione della corte si tessé nel Cinquecento una nuova configurazione non solo delle componenti territoriali e dinastico-patrimoniali della monarchia, ma anche delle élites di ciascuna di esse.
È generalmente accettato che quando nel 1561 Filippo ii decise di fissare la corte a Madrid, ciò fu dovuto, oltre alle ragioni alle quali abbiamo già fatto riferimento, all’enorme incremento della burocrazia regia e alla maggiore complessità degli uffici della Casa reale, una crescita che si andava realizzando con una relazione di scambio e osmosi tra le due sfere nel senso che – come scrive Mia Rodríguez Salgado – «Philipp’s household officials struggled to get administrative positions and administrators avidly sought household offices»81. A quel momento il numero totale dei servitori di Filippo ii oscillava tra 1.200 e 1.500, una presenza umana consistente che doveva apparire molto più ampia ai contemporanei secondo le valutazioni impressionistiche dell’ambasciatore veneto Tiepolo che stimava ammontare a 25.000 persone il seguito del re che si mosse da Toledo a Madrid82. Un’intensa attività edilizia seguì lo spostamento della corte: Filippo ii pianificò la costruzione o ristrutturazione di una rete di palazzi non solo a Madrid (Alcázar, Casa de Campo, El Pardo) ma anche nelle vicinanze (l’Escorial come Pantheon dinastico, e Aranjuez), un sistema di residenze, confacente a un tipo di itineranza a breve raggio, compatibile con l’intensa attività decisionale del re. Madrid tuttavia costruì lentamente la centralità del suo ruolo di corte-capitale. Nel 1601 la corte si trasferiva a Valladolid e cinque anni dopo nel 1606 tornava nuovamente a Madrid, ma solo durante il regno di Filippo iv un evento cerimoniale cruciale come la processione del Corpus Domini si consolidò come cerimonia della capitale83. L’elaborazione di una rappresentazione della corte come spazio sociale ampio che comprendeva il complesso della città si precisa infatti con il regno di Filippo iv: il testo più importante in questo senso è quello di Alfonso Nuñez de Castro (Libro historico político, Solo Madrid es Corte, y el Cortesano en Madrid, 1658) in cui le instrucciones al cortesano (secondo e terzo libro) sono precedute dalla descrizione dei Consejos e delle Casas reales come due realtà istituzionali della corte e della città. Ma il volume contiene anche un corposo capitolo in cui si paragona la corte di Madrid alle altre corti europee, compresa quella papale, l’unica che poteva competere con Madrid e anche vincere per l’«imperio spiritual» che la contraddistingue: però quanto alla forza del dominio temporale solo Madrid, come una fenice, rinata dalle ceneri, poteva rinnovare il potere imperiale dell’antica Roma84. Quanto questa rappresentazione fosse ideologica e difensiva, in un momento di crisi della potenza spagnola, è altro problema che qui possiamo solo enunciare.
Non possiamo però non menzionare un altro dei risultati importanti della storiografia sulla corte in Spagna nella prima età moderna: la riconsiderazione, cioè, del ruolo dei partiti e delle fazioni cortigiane, la cui genesi ed evoluzione sono state ricollegate non solo ai diversi orientamenti politici e religiosi presenti nell’entourage del sovrano (basti pensare al ruolo dei gesuiti e al peso delle divisioni interne alla Compagnia), ma anche ai legami internazionali – soprattutto con la corte di Roma – e alla costruzione delle clientele85. Nel primo Seicento come in Francia il ministériat, il sistema del valimiento introduce, però, una trasformazione profonda nella dialettica tra le fazioni con la centralità nel processo decisionale della fazione del ministro del re86, una scansione periodizzante che ci consente di assumere questa fase come terminus ad quem di un’evoluzione storica.
In ogni caso la storia delle corti italiane è profondamente coinvolta, per ovvi motivi di dipendenza politica e non solo, in questo processo di configurazione e rimodellamento delle fazioni: possiamo anzi dire che uno degli esiti di queste ricerche sia stato quello di consentire una lettura più complessa e problematica della storia politica del Cinquecento e del primo Seicento italiano.
Questa sia pur breve rassegna delle linee di evoluzione nella prima età moderna di tre importanti corti europee mostra evidenti analogie fra i tre modelli, ma non ci consente di porre tra loro alcun legame genealogico di derivazione, al contrario essa sembra offrire elementi per approfondire l’ipotesi di una sostanziale circolarità – della quale i contemporanei avevano una netta percezione – su scala europea nella quale si inserisce pienamente la complessa fenomenologia delle corti italiane.

3
L’Italia: un laboratorio per lo studio delle corti

Le forme della sovranità, la relazione tra Casa del sovrano e amministrazione dello Stato, il rapporto tra città sede della corte e territorio sono dunque i tre parametri attraverso i quali valutare anche in Italia il complesso processo di evoluzione della corte tra medioevo ed età moderna. L’Italia rappresenta un sorta di ideale laboratorio storiografico per lo studio delle corti, non solo perché all’interno del movimento umanistico offrì le forme più elaborate di sistemazione teorica della società di corte, ma soprattutto per la varia articolazione nella molteplicità delle sue forme statuali e di organizzazione territoriale delle tre variabili che ho appena enunciato.
Va anzitutto detto che a livello peninsulare la corte papale e la corte del Regno di Napoli presentano realtà non solo più vicine, ma anche in anticipo rispetto alle contemporanee realtà d’oltralpe.
Per la corte papale il periodo cruciale di transizione è certamente quello avignonese. «L’établissement de la Papauté à Avignon» – scriveva nella conclusione del suo corposo volume B. Guillemain – «y a fixé une société [...]. Les officiales Sedis apostolicae formaient un groupe de 400 à 450 personnes, dans lequel figuraient les chefs di tous les services aussi bien que les employés des administrations, la domesticité, et le membres de compagnies militaires [...] cet effectif a connu dans la suite une stabilité remarquable: on la retrouve sous Paul iv en 1555-56, sous Pie vi en 1778. A partir des papes français, l’organisme curial a trouvé son assiette pour plusieurs siècles»87. Senza mettere in discussione l’importanza del periodo avignonese per la centralizzazione pontificia e anche per la formazione di un vero cerimoniale di corte, questo giudizio, alla luce della considerazione delle vicende della corte romana nei secoli successivi, va sfumato. All’inizio del Quattrocento nella corte papale sono certo distinguibili le figure addette all’accudimento fisico e spirituale del papa da quelle preposte all’amministrazione (camera e cancelleria) e da quelle incaricate della gestione dell’azienda-palazzo (cucina, panetteria, bottiglieria, mascalcia), ma nel suo complesso la configurazione sociale della corte è ancora fluida, la dimensione dei singoli segmenti della familia del pontefice non sempre precisata, la denominazione degli uffici ancora incerta, la loro attribuzione a un ecclesiastico o a un laico non rigorosamente definita, anche se ormai appare delinearsi una divaricazione tra uffici di governo affidati a ecclesiastici e uffici di onore affidati a laici88. È con il decreto De familiaribus di Paolo iii (22 dicembre 1534) che l’articolazione della Casa del papa venne declinata secondo una nomenclatura di uffici domestici e di governo, dei quali si precisarono attribuzioni e privilegi, anche se la produzione legislativa sugli uffici di Casa e corte continuò nel corso dell’età moderna ad accumularsi in modo spesso disorganico. Il carattere peculiare della monarchia elettiva rendeva inoltre particolarmente drammatico il nodo che abbiamo visto porsi pure, proprio a metà Cinquecento, in Francia alla morte di Francesco i: cioè se la Casa del re dovesse o no rinnovarsi ai passaggi di successione del sovrano. La discontinuità al vertice della corte papale era in certo senso istituzionalizzata. Il sistema nepotistico significava un alternarsi di famiglie regnanti per periodi più o meno brevi, l’appartenenza del pontefice a patrie diverse si traduceva nella mainmise sulla corte di precisi gruppi nazionali: i fiorentini dall’istituzione del Banco Medici (1386) ai pontificati di Giovanni e Giulio de’ Medici, la cui elezione fu anche l’esito di una vera egemonia economica esercitata dalla finanza e dal sistema bancario toscano su Roma89, ma anche i liguri, soprattutto con i pontificati successivi di Sisto iv e di Innocenzo viii90. Nonostante questi elementi di discontinuità tra la seconda metà del Quattrocento e il papato di Paolo iii, la preminenza della Sede apostolica nel governo della Chiesa, la dislocazione dei capitali finanziari, ma anche la cultura umanistica e l’antiquaria contribuirono insieme ad altri fattori a costruire una centralità della corte di Roma che si espresse a livello culturale, cerimoniale e che, con il processo di italianizzazione della curia e di integrazione tra gli organismi curiali e i ceti dirigenti di tutti, anche se in modo e in proporzione tra loro differente, gli antichi Stati italiani, divenne «occasione di “rappresentanza” della società italiana» nel suo complesso91. In sostanza, sulla base di un storiografia ormai ricca, anche se a volte frantumata, possiamo non solo sostenere che anche a Roma si affermò nel corso dell’età moderna una compenetrazione tra Casa del sovrano e burocrazia curiale non dissimile dall’intreccio tra corte e governo che caratterizzò, nella prima età moderna, i grandi Stati nazionali dinastici, ma anche che Roma rappresentò in Italia e fuori d’Italia un modello di costruzione della corte.
Nella lunga durata la permanenza dei privilegi che l’appartenenza alla familia del pontefice comportava si intrecciò con un processo di articolazione di essa in dicasteri e comparti che ritagliavano importanti settori amministrativi e finanziari (Segretaria, Dataria, Camera) anche se non tutti gli uffici burocratici rientravano nella familia papale, così come non tutti i membri della famiglia papale (questo è evidente per la familia bassa) potevano essere definiti cortigiani. Il carattere originale della corte romana rispetto alle parallele realtà europee deve invece essere indicato, come è ovvio, nella generale clericalizzazione dell’entourage del pontefice in coerenza con l’evoluzione specifica dell’idea di sovranità papale che accentuò tra xvi e xviii secolo la valenza sacrale e santa della persona del Vicario di Cristo92. Ma anche per questo aspetto, pur essendo la corte romana atipica per il carattere sempre più prelatizio che la connotò dopo il Concilio di Trento, essa, come corte santa, rappresentò un modello per i sovrani italiani ed europei alla ricerca di una legittimazione sacrale del loro potere perseguita attraverso l’appropriazione di reliquie, il potenziamento di una religiosità dinastica, la fondazione di monasteri e conventi93. Sotto questo profilo la centralità rituale della cappella nella residenza del principe è la proiezione della rilevanza cruciale della cappella – luogo simbolico di ogni elaborazione e innovazione cerimoniale – nei palazzi pontifici94.
Inoltre un’altra delle dimensioni che abbiamo scelto di focalizzare in questa breve rassegna si modificò quasi incessantemente tra medioevo e prima età moderna: l’insediamento spaziale della corte papale. Quella preavignonese, come le altre corti europee, era una corte itinerante che aveva a sua disposizione la Domus Lateranensis – il palatium che i papi avevano ereditato come vescovi di Roma dagli imperatori e primo centro dell’amministrazione pontificia95 –, il Vaticano – il palazzo voluto da Eugenio iii e potenziato da Innocenzo iii come luogo simbolico della plenitudo potestatis – e una catena di residenze a Viterbo, Anagni, Orvieto, Rieti…96. Un fenomeno, quello della mobilità della curia papale, di notevole rilevanza poiché, come è stato autorevolmente sostenuto, «la regolare alternanza dei trasferimenti della corte papale, così esplicita e novatrice fin dal primo Duecento ossia in coincidenza con la nascente costruzione dello Stato pontificio duecentesco» fu un «vero e proprio strumento di controllo politico», funzionale «ad una percezione dello spazio e ad un’efficienza logistica allora poco frequenti, per dimensione e qualità, a livello europeo»97.
Il ritorno da Avignone a Roma significò non tanto e non immediatamente mutamenti nell’articolazione strutturale del corpo cortigiano, quanto il riposizionamento della corte papale, sotto la guida di un rappresentante della grande nobiltà italiana (Oddone Colonna), nella città di Roma. Se la scelta di attrarre grossi investimenti curiali nel decoro della città fu intrapresa solo con l’avvento di papa Niccolò v e anche sotto di lui la nuova politica edilizia decollò con incertezza, condizionata dalla situazione finanziaria della curia98, è innegabile che la restaurazione romana del papato significò, soprattutto a partire dalla metà del Quattrocento, l’invenzione di una nuova capitale che aveva nel Vaticano e nell’area circostante la sua “cittadella“ cortigiana99. Il complesso del Vaticano, oggetto da Giulio ii ad Alessandro vii di continui rifacimenti e ampliamenti100, rimase il centro religioso e cerimoniale simbolico dell’universalismo del potere papale. Tuttavia anche i pontefici romani, come gli altri sovrani europei, dislocarono la corte secondo preferenze individuali – Paolo ii nel palazzo-chiesa di San Marco che fu anche, con il palazzo sul Campidoglio, una delle residenze preferite di Paolo iii – e secondo il ritmo di una itineranza di corto raggio, adottata per soggiornare in ville considerate più salubri e piacevoli – Leone x alla Magliana, Giulio iii sulla via Flaminia, Pio v sulla via Aurelia (il casale di Pio v), Sisto v a villa Montalto.
Quando però l’antica vigna Carafa, divenuta per volere di Paolo iii una delle residenze “alternative” dei pontefici e poi affittata al munifico e splendido cardinale d’Este, divenne, per volere di Gregorio xiii e soprattutto di Sisto v, un palazzo papale si crearono le premesse per quella doppia dislocazione della corte – tra Vaticano e Quirinale – che caratterizzò da Paolo v in poi la vicenda della corte romana. Questo bipolarismo, che si sovrapponeva a un ben più antico e comunque differente bipolarismo tra Laterano e Vaticano, fu oggetto di dotte e vivaci dispute tra Sei-Settecento su quale fosse la residenza più confacente ai papi101. La ristrutturazione della residenza di Monte Cavallo in palazzo, come appare da ricerche recentissime, dotò il papa di una reggia “alla imperiale”, funzionale cioè a un modello di sovranità laica, laddove il Vaticano restava teatro delle occasioni liturgiche più pregnanti. Una scelta che mostra, anche nella tarda età moderna, una fase considerata dalla storiografia di progressivo estraneamento tra città e corte, il dinamismo del rapporto tra principe e città e la capacità del sovrano-pontefice di inserirsi nei nuovi poli dello sviluppo urbano e di potenziarli attraverso l’articolazione e la dislocazione degli uffici curiali102.
Se certamente quella papale tra xv e xvii secolo è la corte “centrale” della penisola italiana e non soltanto in senso geografico, non va affatto sottovalutata l’importanza della corte napoletana almeno per la prima fase di questa cronologia sia in ragione del suo antico radicamento medievale, sia per la lucida teorizzazione della sovranità del principe come lex animata103.
Una tradizione storiografica consolidata fa risalire all’età angioina il fiorire di una vera civiltà di corte a Napoli che, dotata di residenze regali già in età normanna (Castel Capuana e Castel dell’Ovo), vede consolidarsi il suo status di città regia e capitale politica tra xiii e xiv secolo.
Con Carlo i Castel dell’Ovo è sede della Camera regis e Castel Nuovo residenza di una corte ampliata nei suoi ranghi e caratterizzata da una vita culturale e artistica raffinata104. Mutuandolo dalla tradizione francese, i sovrani di Napoli vi impiantarono l’uso della capella regis, un’istituzione non soltanto religiosa, ma anche finanziaria (a un cappellano era affidato l’ufficio di tesoriere) e culturale, dal momento che tra i compiti dei cappellani si annoverava anche quello di sovrintendere alla biblioteca del re105. Castel Novo, con gli ospizi angioini, «i grandiosi fabbricati destinati ad ospitare i principi di sangue‚ con le dimore del personale di corte diventava centro gravitazionale delle linee della direzione politica ed economica (la vicina zona portuale, con la rua Catalana, rua Francese, rua dei Genovesi) della città»106. Ma anche altre aree di Napoli mutarono la loro fisionomia in funzione della corte: così San Giovanni a Carbonara divenne uno spazio destinato a giochi, a tornei, intorno al quale si accalcavano le dimore aristocratiche107.
Nella Napoli angioina la visibilità della corte poggiava su un rapporto di solidarietà che legava i destini della corona a quelli di un ceto che apparteneva in parte al patriziato dei Seggi, istituiti dagli stessi sovrani angioini, e in parte a famiglie nuove che gestivano spazi burocratici e settori di speculazione finanziaria e imprenditoriale (la cantieristica). Agli esponenti dei due gruppi poteva essere riservato l’ingresso nella corte. La dignità di fidelis consiliarius, funzione onorifica che sembra significare frequentazione della corte, veniva a consacrare rapporti di servizio funzionariale o di servizio nella domesticità. Ciambellani, camerarii, ostiarii potevano cioè percorrere contemporaneamente carriere di pubblici funzionari quali iustitiarii o secreti108. La concessione della condizione di familiaris, riconoscimento più modesto di consiliarius che poteva andare anche a un non nobile, sanzionava un rapporto di fedeltà, solennizzato dal giuramento e si declinava a vari livelli – milites, scutiferi nobiles, scutiferi, pedites. Essa fu uno strumento al quale i re angioini fecero ricorso ampiamente per assicurarsi un sostegno anche in ambienti non feudali. Se Federico ii premiò con quella dignità solo alcune decine di persone, sotto il regno di Carlo i se ne possono contare un migliaio e Carlo ii largheggiò non di meno109.
All’apice di questa gerarchia cortigiana erano i Sette Uffici del Regno. Quando alla metà del Seicento Camillo Tutini, storico dei Seggi e “ideologo” della rivoluzione del 1647, scriverà i Discorsi de’ Sette Uffici, lo farà in un’ottica “apologetica”, tesa a dimostrare che la «Casa Reale del Regno non era stata inferiore all’altre Case Regie dell’Europa»110. Tutini esaltava la radice greco-bizantina dei Sette Uffici alla quale si era sovrapposto l’apporto angioino e in particolare sull’ufficio di connestabile istituiva un paragone tra Napoli e la monarchia di Francia111.
L’apparato della corte nel Mezzogiorno d’Italia si imperniò, dunque, su una concezione monarchica “forte” e di complessa e plurima derivazione: dai sette grandi uffici “centrali” agli uffici minori, i poteri e le competenze degli uffici di corte erano regolamentati dal sovrano secondo coerenze politiche più che istituzionali e anche secondando tendenze culturali che erano comuni a un circuito europeo che comprendeva Napoli, la corte papale e quella francese d’Anjou-Valois112.
Travolta dalle micidiali guerre civili tra i rami della casa reale angioina, Napoli risorge nell’età aragonese come corte umanistica intorno a un sovrano la cui regalità però, a differenza di quella angioina, «inquadrata in un complesso e poderoso schema culturale sostanziato di teologia politica», «andò configurandosi come simbiosi d’istanze pattiste e prerogative ereditarie, plasmata sul modello aragonese di Spagna»113. È questa la premessa fondamentale per comprendere alcuni caratteri della civiltà di corte a Napoli in età aragonese.
Sebbene come città greca fosse «la sola rispondente alla descrizione della città antica che ci ha lasciato Vitruvio»114 e sebbene vi lavorassero eccellenti artisti quali Giuliano da Sangallo, Francesco di Giorgio Martini, Giuliano da Majano, Francesco e Luciano Laurana, Napoli non divenne la città ideale. La cultura rinascimentale «si espresse in fabbriche di dimensioni modeste»115 rispetto ai superbi gioielli del gotico e divenne programma urbanistico soltanto con Alfonso ii116, il sovrano della fragile dinastia che andò anche certamente più avanti degli altri esponenti di essa nella configurazione di forme cerimoniali capaci di legittimare la regalità aragonese, come ci ha recentemente dimostrato Giuliana Vitale, ricostruendo la complessa interazione tra Bucardo, Pontano e Alfonso per stabilire l’ordo dell’incoronazione117.
Nell’elaborazione di una cultura politica della corte Napoli diede comunque risultati originali e variegati. Jerry Bentley ha ricostruito il complesso universo cortigiano napoletano, mostrandoci attraverso la carriera di cinque umanisti, «impiegati in qualità di segretari, storici e ambasciatori»118 – il Panormita, Lorenzo Valla, Bartolomeo Facio, Giannozzo Manetti e Giovanni Pontano –, i legami culturali politici e clientelari di queste figure con le altre corti italiane e allo stesso tempo le modalità con le quali servirono i re aragonesi. Così il Panormita (il bolognese Antonio Beccadelli), già poeta di corte presso il duca di Milano, Filippo Maria Visconti, e professore di retorica all’Università di Pavia, dal 1434 al servizio di Alfonso che gli affida incarichi diplomatici e politici assai delicati – come la missione a Firenze e Venezia nel 1451 per ritessere la trama delle alleanze peninsulari napoletane – ma anche uffici burocratici, come quello di amministratore delle dogane di Palermo o di notaio della Sommaria119. Così Giannozzo Manetti, di famiglia fiorentina di banchieri, uomo che aveva ricoperto cariche politiche nella Repubblica che abbandona per conflitti fazionari o «per un’operazione interna al partito mediceo»120 per divenire tra il 1453 e il 1455 segretario di Niccolò v, accettando alla morte del pontefice la nomina di Alfonso a suo “consigliere” e a membro del Tribunale della Sommaria121. Così il Pontano che «meglio di qualsiasi umanista a Napoli incarnò l’ideale dell’uomo di studio attivo in politica»122, segretario nella Cancelleria di Alfonso, consigliere regio di Ferrante, membro della Sommaria, precettore e poi Segretario del duca di Calabria Alfonso e di sua moglie Ippolita Sforza, continuatore del Panormita nella direzione dell’Accademia fondata da quest’ultimo.
Quanto il Pontano, oltre che servire con il consilium, abbia contribuito a costruire per i re aragonesi una cultura di corte basata sulla magnificentia, sullo splendore, sulla convivialità, intese sempre in senso aristotelico come misura e sorrette da un intento di razionalizzazione e controllo morale, è un tema noto grazie ai numerosi studi ad esso dedicati da Francesco Tateo123.
Se l’opera di Pontano si rivolge prevalentemente al principe, una trattatistica non meno importante ha per oggetto nella Napoli del tardo Quattrocento il comportamento del cortigiano. Lo libro delli precepti overo instructione delli cortesani di Diomede Carafa124 è, come ha sottolineato Giuliana Vitale, la «prima testimonianza scritta, in ambiente italiano, di sistemazione teorica del modello cortigiano e di riflessione su un corrispondente codice comportamentale»125. Esso esprime un codice schematico, basato su precetti riconducibili a poche massime elementari – obbedienza, dedizione e amore per il signore, ma anche misura nell’uso del potere da lui conferito, discrezione nel parlar poco e mantenere la segretezza –, ma significativo della mentalità e delle istanze di alcuni segmenti dell’aristocrazia napoletana. Diomede Carafa era cadetto di una grande famiglia feudale che affida effettivamente la sua fortuna alla carriera cortigiana. La società di corte nella Napoli del tardo Quattrocento offre a un’aristocrazia spesso in crisi, che vive nell’angoscia del declassamento, un approdo, una possibilità di rilancio, ma allo stesso tempo non è connotata strettamente in senso nobiliare: la cultura umanistica e giuridica sono risorse che consentono l’ingresso e spesso l’ascesa nel mondo cortigiano anche a figure sociali di estrazione borghese.
Per il Tre e Quattrocento Napoli ci offre l’esempio di una corte regia di uno Stato territorialmente di non esigua estensione che ha fissato la sua residenza in una popolosa città capitale, sede delle più grandi magistrature del Regno che consentono ai cortigiani possibilità di affermazione anche nell’amministrazione. La corte napoletana, sia per il profilo dei suoi attori sociali, sia per i modelli culturali che essi delineano o ai quali si ispirano, ci appare uno dei luoghi di elaborazione, e non il minore, di una cultura di corte con una forte dimensione politica.
Il declassamento del Regno a Viceregno, che non impedì la crescita della funzione di Napoli capitale126 ma privò la città della corte, fu sofferto dalle élites curiali e a lungo lamentato nell’età moderna fino a divenire un topos e un modulo retorico.
A differenza di quella papale e di quella di Napoli, fino al 1503, nessun’altra corte italiana è fondata sulla forma monarchica di sovranità.
Nell’Italia centro-settentrionale le corti principesche nascono ed evolvono in Stati il cui assetto territoriale è nella transizione tra medioevo ed età moderna ancora in fieri e la cui configurazione politica va precisandosi in rapporto a molteplici variabili: l’assetto geopolitico circostante, la struttura urbana, la solidità delle forme di legittimazione del potere dei principi che trae origine dall’investitura imperiale o papale. Queste forme di legittimazione sono spesso precarie e si sovrappongono a preesistenti realtà cittadine e di governo le cui strutture permangono a lungo dando origine a ibride realtà istituzionali. Poiché molti regimi principeschi nello stato aurorale del loro sviluppo sono l’esito di «una “logica” cittadina»127, nel senso che rappresentano gli interessi della fazione vincente o di un compromesso tra le parti, il rapporto con le strutture di governo urbane nella città e nel territorio a essa assoggettato si rivela cruciale.
L’assenza di una vera dimensione di capitale nelle città italiane che accolgono la corte si traduce in un duplice effetto: o in un rapporto difficile tra città e corte che sarebbe improprio definire estraneità, ma che è comunque l’esito di una dialettica di subordinazione e resistenza o nell’invenzione della città come universo artificiale e chiuso. Più la città è economicamente vitale e politicamente strutturata nei suoi gruppi sociali alti, più il rapporto appare difficile.
Il caso milanese è esemplare sia del ricasco drammatico delle insufficienze nella legittimazione del potere, sia della fragilità del rapporto tra città e corte. Giorgio Chittolini ha sottolineato come già i Visconti, che pure erano signori autoctoni e vicari e poi duchi imperiali, proprio per dare «fondamenti nuovi» al loro potere avessero depresso il ruolo di Milano e del suo patriziato, ma come questo scarto tra città e principe si acuisse con l’avvento degli Sforza128. Sebbene la corte sforzesca, quanto ad organizzazione interna, si ponesse − anche per comprensibili ragioni di prudenza politica − in un rapporto di continuità con quella viscontea, il nuovo principe, forse per le medesime ragioni, introdusse nel suo entourage uomini che lo avevano servito in quanto condottiero o signore di Pesaro129. E la stessa tendenza a bilanciare una rassicurante continuità rispetto al passato con l’inserzione in posti nevralgici di uomini di provata fedeltà è stata documentata per gli organi politici amministrativi e per l’organizzazione diplomatica130. Quando Galeazzo Maria divenne duca di Milano (1466) la corte che si componeva di un centinaio di persone acquisì una rilevanza certamente maggiore: alcuni uffici (i camerarii) furono numericamente ampliati e articolati al loro interno, la componente lombarda venne accresciuta, una politica di patronage artistico fu intrapresa con un programma iconografico di rilievo per il castello di Pavia. A livello cerimoniale fu regolamentato il protocollo per il ricevimento dei principi e ambasciatori (1468) e si cercò nella corrispondenza con Roma di essere al corrente delle pratiche cerimoniali della corte papale considerata quella che fissava le regole di precedenza tra gli Stati131. Nella configurazione sociale la corte milanese resta comunque contraddistinta da «un carattere molto fluido» senza una netta distinzione tra Casa del principe e burocrazia: nel 1470, quando Ferrante d’Aragona chiede un “ordine” della corte di Milano, il segretario del duca Giovanni Simonetta non è in grado di fornirla, perché – egli scrive – le persone si succedono troppo rapidamente132.
Per quanto attiene alle soluzioni residenziali, gli Sforza, come gli altri principi del loro tempo, disposero di un sistema multiplo di residenze: il Palazzo dell’Arengo, la corte a Porta Giovia, il castello di Pavia, la seconda città del ducato, rivale di Milano e sede di una prestigiosa università, e infine, negli anni Novanta, Vigevano, scelta come luogo di residenza dinastica e oggetto di un intenso rinnovamento urbanistico-architettonico ad opera del Bramante133. In realtà solo alla fine del dominio sforzesco, in quel periodo che è stato definito «la Golden Age of Milan»134 la corte acquistò una vera centralità che si manifestò nella brillante e sofisticata vita artistica e intellettuale animata da Ludovic,o il Moro. Sullo scorcio del secolo, il mancato riconoscimento imperiale e le difficoltà politiche interne legate alla scarsa integrazione tra corte e patriziato offuscarono questi successi culturali: le vicende dell’età delle guerre d’Italia che ebbero come esito un mutamento radicale – la fine del dominio sforzesco e l’inserimento del Ducato nel sistema politico di una grande monarchia europea – provano, fra l’altro, la fragilità della costruzione politica cortigiana milanese o meglio, come è stato recentemente scritto, «l’eclissi dell’affinità principesca», cioè di quella prossimità al principe che univa tutti coloro che attraverso uffici burocratici, militari o di corte, benefici o committenze godevano del suo favore135.
Sono differenti, ma con non irrilevanti analogie, le vicende delle corti padane. Il clan familiare degli Este arriva alla signoria di Ferrara attraverso l’investitura popolare dietro la quale vi è la fazione guelfa e si consolida con il conseguimento del vicariato papale che però è concesso inizialmente a Rinaldo Obizzo e Niccolò solo per dieci anni dietro pagamento di 10.000 fiorini annui136. La rivolta del 1385, causata dalla spirale creata dal sovrapporsi di un duro fiscalismo a una congiuntura di difficoltà climatiche e produttive, mostra la profonda alterità tra città e principe che sembra avere una sua immagine pietrificata nel castello fortificato separato dal fossato137. Nel crinale tra xiv e xv secolo e lungo il Quattrocento, come vicari papali o con il sostegno dell’imperatore, gli Este accrescono la consistenza territoriale del loro Stato che viene a comprendere Modena e Reggio (1409), città che avevano poteri limitati sul contado, la Garfagnana (1433), il Polesine, il Frignano, la cosiddetta Romagna estense, territori, questi ultimi, privi di centri urbani significativi. L’eterogeneità di questo conglomerato territoriale e l’assenza di città concorrenziali fanno sì che Ferrara possa consolidare la sua preminenza, che viene sancita anche da una politica di “feudalesimo monarchico” che si esplica in investiture di nobili ferraresi nei ducati di Modena e Reggio, nonché nel massiccio uso dello strumento feudale nello stesso distretto ferrarese138. Nella medesima fase – e occorre non separare la considerazione dei processi di espansione e controllo territoriale da quella di formazione dell’entourage del signore – gli Este intraprendono soprattutto con Leonello (1441-50) una politica di vasto respiro culturale di ampliamento della corte. Nella seconda metà del secolo, le cifre sulla dimensione della corte estense, presentate da Cattini e Romani sulla base dei ruoli dei salariati, ci mostrano come tra il 1457 e il 1485 la corte avesse una taglia di circa 500 individui, pari al 4% della popolazione ferrarese, un numero significativo se paragonato all’ordine di grandezza della Casa regale in Francia e in Castiglia, anzi un numero eccessivo se proporzionato alla grandezza territoriale e alle risorse, indicativo di una scelta politica che è allo stesso tempo emblematica della grandezza e fragilità delle corti italiane del Rinascimento139. A un secolo di distanza, alla vigilia della devoluzione, la stessa fonte presenta una cifra analoga, anzi leggermente inferiore: 480 persone, delle quali l’85% svolge mansioni riconducibili al governo della Casa ducale: prova, secondo i due storici ai quali faccio qui riferimento, di «quanto arretrato sia, all’interno della corte ferrarese, il processo di specializzazione delle funzioni amministrative pubbliche»140. Gli studi successivi di Marco Folin ci consentono di aggiungere come si tratti di un carattere peculiare dei ducati estensi, dove l’ampliamento territoriale, per le sue stesse modalità processuali, aveva creato uno scarto tra la Casa marchionale e le articolazioni dello Stato: «il territorio soggetto non costituiva un’area distinta organicamente in circoscrizioni che corrispondevano ad un’uniforme struttura istituzionale di emanazione signorile, bensì un aggregato di luoghi singolarmente intesi, con cui la dinastia intratteneva rapporti individuali di volta in volta contrattati secondo le contingenze del momento, secondo moduli non essenzialmente dissimili da quelli che regolavano le relazioni fra i vari Stati della Penisola»141. In questo senso le vicende degli Stati estensi nell’età moderna illustrano perfettamente la complessità dei processi di aggregazione e disgregazione territoriale di un’area dalla geografia tormentata, dalle vocazioni economiche differenziate, ma non complementari142, nella quale le dinamiche non sono quelle della progressiva espansione spaziale della città secondo linee di forza economiche e politiche che gerarchizzano lo spazio e lo territorializzano, bensì quelle della disordinata giustapposizione. Nella disorganicità dell’apparato amministrativo e nella ricomposizione della società territoriale secondo coerenze contingenti, si struttura comunque un «sistema politico», «contraddistinto dalla forza delle tradizioni locali e al contempo dalla duttilità dell’apparato amministrativo ducale»143.
Vi è un rapporto profondo tra la capacità di questo sistema politico di reggere nel tempo e l’affermazione del principe come presenza carismatica. La centralità della figura eroica del principe si fonda sullo spessore culturale del progetto corte, quale si esplica ricostruendo lo spazio della città, patrocinando la costruzione di fabbriche civili e religiose soprattutto con l’Addizione Erculea – quello straordinario esperimento urbanistico intrapreso a fine Quattrocento con una sorta di ricognizione architettonico-topografica su scala italiana144 –, intensificando le rappresentazioni teatrali145, potenziando l’attività dello studio146, introducendo riti di Stato sul modello delle grandi monarchie147, ricostruendo genealogie mitiche e prestigiose come la discendenza da Caio Atio avvalorata dall’autorità di Giovan Battista Pigna nella Historia dei Principi d’Este (1570)148. Questo massiccio ricorso alla sfera simbolica va contestualizzato soprattutto nel Cinquecento nel drammatico conflitto sul cruciale problema della sovranità che oppone gli Este alla Santa Sede, ma va anche considerato in rapporto al ricasco dei costi di una politica di prestigio su una compagine territoriale disomogenea, nella quale i due terzi degli introiti fiscali erano ricavati dalla parte orientale del ducato, cioè il Ferrarese149. La devoluzione si colloca dunque a ridosso di una fase di calo del “consenso” dei sudditi ferraresi rispetto alla dinastia che, per converso, seguendo la politica tradizionale di aggiustamenti mirati, cerca una nuova base tra i cittadini di Modena e Reggio utilizzando le investiture feudali e la vendita di giurisdizione150. Il trasferimento della capitale a Modena non fu comunque nel 1598 un evento paragonabile al trasferimento della corte savoiarda da Chambéry a Torino, ma il ripiegamento di uno Stato dimezzato e ormai politicamente ininfluente in una Italia che si legava al sistema politico di un’Europa bipolare.
Osservazioni in parte analoghe sono possibili per il vicino Stato gonzaghesco, considerando però anzitutto la differente origine delle due dinastie: signori feudali e grandi proprietari terrieri gli Este, di origine cittadina e legati al mestiere delle armi e al sistema delle condotte i Gonzaga. Luigi Gonzaga divenne capitano generale del Comune nel 1328 e i suoi successori si ritagliarono nei conflitti tra guelfi e ghibellini una signoria territoriale ottenendo dall’imperatore nel 1433 il titolo marchionale. La struttura della corte relativamente semplice a fine Trecento – 200 al servizio stretto del «vicario imperiale e capitano del popolo» e 53 addetti alla gestione delle «istituzioni statuali» nel 1385151 – non appare molto più ampia nell’età di Ludovico e di Barbara di Brandeburgo – 275 persone nel ruolo del marchese, 67 della marchesa152 – quando comunque diverso è il profilo sociale dei cortigiani e soprattutto sono intervenuti nella piccola compagine istituzionale gonzaghesca cambiamenti significativi con la comparsa di figure nuove come i consiglieri del Consilium Domini o i maestri delle entrate, segno di una maggiore attenzione al prelievo e al governo del territorio circostante153.
Isabella Lazzarini, che ha analiticamente studiato gli offici e l’entourage del principe nella Mantova quattrocentesca, distingue due tipi di servizio:
1. gli uffici giurisdizionali sul territorio e gli uffici cittadini di origine comunale che costituivano un traguardo accessibile a una porzione vasta di cives mantovani di formazione notarile e tecnica come gli Striggi, gli Agnelli, i Pavesi;
2. le cariche politiche, diplomatiche o di competenza economica finanziaria, attribuite a personaggi di rilievo che potevano anche essere contemporaneamente al servizio di altri principi, inseriti nel network cortigiano che era in parte comune all’Italia quattrocentesca154.
Due declinazioni quindi degli offici: una di origine comunale-cittadina, l’altra di tipo cortigiano, sebbene, per la stessa differenza delle due configurazioni territoriali, l’integrazione della Casa e dello Stato fosse a Mantova assai più stretta. Ma nella corte gonzaghesca, al pari di quella estense, la chiave per comprendere la svolta quattrocentesca non è tanto nell’architettura istituzionale, quanto nel rilievo che in essa assumono umanisti e artisti. Nel 1423 arriva a Mantova Vittorino da Feltre; a metà secolo, negli anni del Concilio di Mantova, Ludovico che guarda al modello fiorentino – nel 1447 è capitano generale di Firenze – si serve di Luca Facelli, di Leon Battista Alberti per un’intensa attività edilizia e urbanistica, concentrando gli interventi nel castello in funzione non più militare e difensiva, ma residenziale e rappresentativa155. Inizia così un processo di continua manipolazione degli spazi che includerà anche quelli sacri, come mostra la vicenda del complesso benedettino di Sant’Andrea, soppresso – dopo una complessa trattativa con i monaci e la Santa Sede, nella quale gioca un ruolo fondamentale il cardinale Francesco Gonzaga156 – e trasformato in collegiata di giuspatronato dei Gonzaga che così si appropriano della prestigiosa reliquia del sangue di Cristo conservata nella chiesa. Con il rifacimento di Sant’Andrea e il ruolo primario assunto dalla direttrice rettilinea dal duomo a San Sebastiano la morfologia della città appare totalmente mutata157. La sequenza di iniziative patrocinate dai duchi di Mantova tra Quattrocento e Cinquecento, il rapporto con Giulio Romano che giunge a Mantova nel 1524 e mette il suo talento al servizio del «programma personale di consolidamento del potere di Federico Gonzaga»158, il mecenatismo intercorso tra quest’ultimo e Tiziano, ricostruito minuziosamente da Diane Bodart, sono materia troppo nota perché debba su di essi soffermarmi. Quello che però vorrei sottolineare è il concetto di «committenza diplomatica» che la Bodart usa nel suo lavoro159. Molti dei quadri dipinti da Tiziano per Federico sono offerti nel 1529-36, dopo che la scelta della militanza nello schieramento imperiale da parte del Gonzaga è ormai sicura, a Carlo v insieme ad altri doni di gran pregio, elargiti nel contesto di una richiesta precisa di determinati favori politici. Non dimentichiamo che era in gioco il possesso del marchesato di Monferrato, conseguito nel 1536. L’opulenza della corte di Federico, emulo nell’ideazione di palazzo Te della Farnesina di Agostino Chigi e della Fontainebleau di Francesco i160, non era compatibile con le risorse del ducato: alla sua morte (1540) Margherita Paleologa e il cardinale Ercole Gonzaga dovettero ridimensionare la corte, ridurne le spese, tagliare provvigioni161. Mia Rodríguez Salgado ha giustamente parlato a proposito dei Gonzaga di una strategia dello state-building che consiste nello use of the arts e che si dispiega a molti livelli: dalla renovatio urbis all’autorappresentazione nei cicli decorativi, all’opulenza del donare, sottolineando però un legame tra «questo fortissimo impeto al patronage artistico e la ricorrente instabilità e originaria debolezza delle corti italiane»162.
Lo scarto tra impegno culturale e mecenatistico e la precarietà politica caratterizza anche la corte-simbolo del Rinascimento italiano, cioè Urbino163.
Il riconoscimento del vicariato alla fine del Trecento ad Antonio e Guidantonio di Montefeltro e soprattutto il successivo titolo ducale ad Antonio e Federico della Rovere da parte di Sisto iv (1475) avevano proiettato i Montefeltro nell’universo principesco, ma non dotato di una sovranità piena rispetto al potere papale. Questo deficit originario di legittimità politica si sommava alle debolezze strutturali di uno Stato, territorialmente non troppo esiguo, ma carente di direttrici sicure, anche a livello economico. La realtà cittadina dei centri inglobati nel dominio principesco permane con il suo particolarismo di patti, dedizioni, statuti e, anche se il principe ha il potere di nominare nei centri urbani potestà, vicari e officiali del fisco signorile, questa rete «di officiali non riesce a disegnare l’immagine di una robusta struttura di governo che si sia imposta incisivamente ai diversi corpi territoriali»164. Il potere di subinfeudare è almeno teoricamente negato165 e la corte appare in realtà l’unica struttura, sulla quale si esercita pienamente l’autorità del duca, che sia capace di garantire integrazione politica e possibili ascese sociali. Si tratta di una corte numericamente di taglia neppure troppo limitata: infatti secondo gli Ordini et offitij, redatti tra gli ultimissimi anni del Quattrocento e i primi del Cinquecento, la famiglia ducale contava 180 individui che comprendevano 15 conti, 6 cavalieri dello Speron d’Oro, 18 gentiluomini, 2 auditori, 5 precettori e maestri, 3 ingegneri e architetti, 6 secretari di fuori, 4 di casa, 12 cancellieri e poi i soliti paggi, scalchi, credenzieri, trincianti, staffieri, cantori di cappella, bibliotecari166. Una costellazione sociale di figure i cui compiti e la cui gerarchia è però analiticamente precisata, così come il dovere primo del principe, individuato – e gli esempi citati sono quelli di Filippo Maria Visconti e di papa Pio ii – nell’udienza e nel maneggio politico-diplomatico167. Se la principale risorsa del Ducato d’Urbino consisteva nel denaro ricavato dalle condotte militari, gli investimenti architettonici e più in generale i consumi culturali sono quelli di una corte estremamente raffinata, uno dei centri di influenza del neoplatonismo ficiniano che avrebbe trovato espressione nel disegno del palazzo ducale, nel significato simbolico dei percorsi cerimoniali e nel contenuto della biblioteca168.
Questo modello di corte del piccolo Stato, che coinvolge gruppi socialmente variegati e che si fonda sull’uso della cultura e delle arti come linguaggio e come risorsa del principe, caratterizza dunque profondamente la temperie italiana del periodo fra tardo Quattrocento e Cinquecento. Ritroviamo le stesse scelte dei Montefeltro e dei rami maggiori degli Este e Gonzaga, praticate da altri esponenti del mondo nobiliare italiano in microsignorie come quella dei Pio di Carpi o dei Gonzaga di Sabbioneta169.
La storia delle piccoli corti, segnata dal difficile rapporto tra risorse e consumi, tra forza politica e ambizioni culturali, tra città – con preesistenti strutture comunali – e territori legati al principe da rapporti volta a volta differenti, ha come esito quasi ineluttabile la scomparsa o il ridimensionamento delle corti stesse, come mostrano i casi milanese, ferrarese, urbinate e anche gonzaghesco.
L’unica eccezione nel panorama italiano – facendo salva la corte del papa destinata anch’essa a dissolversi nell’Ottocento quando però l’idea di corte di Roma si è ormai trasfigurata in quella di chiesa universale – è la corte sabauda che ha una durata plurisecolare e una proiezione nella storia dell’Italia contemporanea. Riteniamo perciò di chiudere queste pagine con alcuni riferimenti al caso savoiardo per il quale peraltro disponiamo di brillanti studi recenti che ne illuminano singole fasi, laddove manca purtroppo un lavoro complessivo che renda conto delle continuità e trasformazioni di una corte di durata plurisecolare.
Tra Francia e Italia i conti di Savoia, vicari imperiali dal 1365 e duchi dal 1416, sono principi di un territorio vasto, ma composito, «un aggregato di patrie e comunità»170, articolato in balivati (nell’area transalpina) e in castellanie nell’area piemontese. Al vertice era un Consilium cum domino residens, un Consiglio del principe, itinerante – del quale facevano parte, secondo gli Statuti del 1430, «barones, milites, nobiles et alios insignes laicos, tam in armis quam in aliis arduis negociis strenuos et circumspectos, prudentes, fideles et probos»171 – che diede origine nel crinale tra Quattro e Cinquecento a due Consigli, uno segreto, privato, e uno stabile, ma con competenze esclusivamente giudiziarie. All’inizio del xvi secolo, quando questa regolamentazione degli uffici centrali si precisa, la Casa ducale era già da tempo organizzata con i suoi officiales (circa 180 persone) che gestivano i servizi dell’hôtel, della camera, della scuderia e naturalmente della cappella. La struttura generale della corte e la pratica del servizio per trimestri, introdotta nel secondo decennio del Cinquecento, mostrano come i duchi guardassero – come era anche naturale per coerenze geografiche e parentali – ai Valois e ai duchi di Borgogna172.
Dopo le note vicende politiche e militari alla metà degli anni Trenta del Cinquecento che misero in forse l’esistenza stessa dello Stato dei duchi di Savoia, la restaurazione della corte avvenne solo dopo la pace di Cateau-Cambrésis ad opera di Emanuele Filiberto. La storiografia concorda oggi nel non enfatizzare la radicalità di questa rifondazione. Almeno per quanto attiene alla dimensione, la Casa di Emanuele Filiberto era all’incirca analoga a quella di suo padre Carlo ii: inizialmente 200 persone, ristretta poi per ragioni di costi a 120173. Ma come ha recentemente sottolineato Robert Oresko, il trasferimento da Chambéry a Torino nel 1563 fissava la corte in un terreno differente, da un punto di vista geografico e linguistico174. Una scelta che sembra ricalcare quella operata da Filippo ii rispetto a Madrid, sebbene nel caso di Torino l’adeguamento architettonico-urbanistico della città e del sistema di residenze nelle adiacenze di essa sia stato più lento e vacillante175. Nell’età di Carlo Emanuele i (1580-1635), comunque, la corte – la cui ampiezza è stata calcolata intorno a 250-300 officiali permanenti – diviene veramente un centro di attrazione della nobiltà nella città capitale e nella seconda metà del Seicento prende avvio un’architettura residenziale di grande prestigio che culminerà con l’arrivo di Juvarra nel 1714176. La vera discriminante tuttavia che rende la storia della corte sabauda differente da quella di tutte le altre corti degli antichi Stati italiani è nell’ostinato perseguimento di forme più piene di sovranità. Se infatti le brillanti costellazioni cortigiane rinascimentali furono politicamente effimere quanto culturalmente splendide, la puntigliosa richiesta da parte dei duchi di Savoia del titolo regio, formulata a partire dagli anni Trenta del Seicento e sorretta da una parentela reale europea, divenne stimolo a una maggiore elaborazione istituzionale della corte stessa, la cui splendidezza e magnificenza furono addotte poi, soprattutto nella seconda metà del Seicento, come «un altro indicatore di regalità»177. La pace di Utrecht (1713) fece del duca Vittorio Amedeo ii il re di Sicilia e di Torino una vera città capitale.
Questa ampia storiografia, della quale ho qui provato a dare una lettura essenziale, mi pare consentire alcune schematiche conclusioni:
1. Da un punto di vista cronologico, due tempi forti spiccano nella lunga durata che è stata scelta come scala diacronica di queste pagine: i decenni centrali del Quattrocento, quando lo sviluppo delle corti passa dalla internazionalizzazione a livello europeo dei milieux cortigiani, dei saperi e delle pratiche e la seconda metà del Cinquecento, quando la politica europea crea uno scarto tra le configurazioni statuali forti e realtà territorialmente più ridotte o anche istituzionalmente instabili. In questa transizione nel quadro italiano sono state cancellate come corti autonome Milano e Napoli, così come sarà eliminata Ferrara e poi negli anni Trenta del Seicento Urbino. Per converso si ribadisce la centralità romana nella penisola e si rafforzano corti “nuove”, o tali per la loro recente ridislocazione territoriale come Torino, o tali in quanto esito di una tarda e inizialmente ambigua conversione da forme repubblicane a principato come Firenze178.
2. Questa evoluzione mostra l’importanza del principio dinastico per garantire la continuità della corte. La corte come “istituzione” politica si costruisce a partire dalla Casa del principe come modo di riproduzione sociale familiare che ingloba la distinzione privato-pubblico. La Casa del principe – ha sostenuto Pierre Bourdieu – è la matrice originaria dalla quale si articola e «autonomizza» un campo burocratico179. Questo processo non è però lineare e scontato e di fatto la capacità di tenuta di una dinastia è cruciale per la fedeltà e il servizio dei cortigiani. Nel caso italiano la fragilità dinastica delle famiglie principesche180, la precarietà della loro sovranità caratterizzano marcatamente la storia politica delle corti e non solo politica, poiché si crea una relazione profonda tra la carenza di sovranità indipendente e le ambizioni dell’offensiva simbolica, dispiegata ad ampio raggio per compensare questo deficit. Ma per le stesse ragioni che attengono alla sfera del politico, la storiografia ha dimostrato come non sia più proponibile l’idea di una corte omogenea: la corte è piuttosto arena di scontri e di conflitti in cui le fazioni cortigiane hanno sempre dei referenti esterni alla corte stessa: negli ordini religiosi, nei gruppi economici forti, nei partiti internazionali.
3. Il rapporto corte-città-territorio è, come abbiamo visto, centrale. Anche le corti italiane praticano, come le grandi corti d’oltralpe, l’itineranza per poi stabilizzarsi nel Cinquecento, quando l’itineranza tra più residenze si sostituisce all’itineranza territoriale. Il processo della costruzione di una cultura di corte è strettamente intrecciato alla costruzione materiale di luoghi permanenti, visibili, manifesti eloquenti di distinzione e di magnificenza.
Recentemente Marcello Fantoni ha formulato alcune ipotesi generali sull’impatto della corte nel tessuto urbano, mostrando la connessione tra l’evoluzione della società di corte nell’Italia fra tardo medioevo e primi secoli dell’età moderna e la metamorfosi dei palazzi e delle residenze, spesso nel contesto di una ristrutturazione del progetto urbanistico. A partire dall’analisi del contributo dell’architettura all’economia urbana e di quanto da essa discende (arredo, pittura, scultura) Fantoni ridiscute l’idea di corte che si è costruita a partire dai ruoli della Casa del principe che, per quanto possano variare da caso a caso, rappresentano comunque una percentuale molto limitata della popolazione urbana (dal 4 al 15%). Le figure sociali coinvolte nell’indotto economico della corte sono in realtà assai più numerose. Mercanti, fornitori di materie prime, albergatori, artigiani non sono mai – egli sostiene – al di sotto del 20% a Ferrara, Mantova, Torino. La corte è dunque «un centro di produzione (più ampio e diversificato della città) e non solo di consumo», essa costituisce perciò «un motore di ridistribuzione di risorse finanziarie e umane assolutamente senza eguali per l’economia urbana preindustriale»181. Un’ipotesi assai stimolante che implica ancora una volta la riformulazione del questionario storiografico con cui leggere il fenomeno corte.

Note

* Questo articolo è il testo di una relazione tenuta al ix Congresso internazionale di Studi organizzato dalla Fondazione Centro-studi sulla civiltà del tardo Medioevo, San Miniato, 10-12 ottobre 2002, sul tema L’Italia alla fine del Medioevo: i caratteri originali nel quadro europeo. Aspetti culturali. Ringrazio Giorgio Chittolini e Gian Maria Varanini per avermi consentito di pubblicarlo prima dell'apparizione negli Atti del Convegno.
1. A. Prosperi, Libri sulla corte ed esperienze curiali nel primo ’500 italiano, in Id. (a cura di), La corte e il “Cortegiano”, ii, Un modello europeo, Bulzoni, Roma 1980, p. 69.
2. Cfr., oltre al già citato ii volume, il volume i: C. Ossola (a cura di), La scena del testo.
3. A. Quondam, Introduzione a B. Castiglione, Il Libro del Cortegiano, Garzanti, Milano 1981, pp. xxxvii-xxxviii.
4. Id., Introduzione a B. Castiglione, Il Cortigiano, Mondadori, Milano 2002, p. x.
5. Ivi, p. xlii.
6. N. Elias, La società di corte, Il Mulino, Bologna 1980, pp. 24-5. L’espressione «La Ville est, dit-on, le singe de la Cour» è tratta da Saint-Cyr, Tableau du Siècle, Genève 1759 (ivi, p. 25, n. 1).
7. Un esempio di un “uso” di Elias in questo senso è dato dal volume Ph. Ariès, G. Duby, La vita privata dal Rinascimento all’Illuminismo, Laterza, Roma-Bari 1987 (ed. or. Seuil, Paris 1986).
8. Annotava Alberto Tenenti ponendosi questo stesso interrogativo: «Questo libro di Elias non riguarda affatto la Corte in sé e per sé e neppure tutte le configurazioni sociali cui si potrebbe dar questo nome. Non solo l’autore non ha inteso prendere in esame Corti extraeuropee, ma non vi si è riferito neanche come termine di paragone. Anzi, egli non ha trattato la maggior parte delle Corti europee e, prescindendo altresì da quelle medioevali e rinascimentali, ha appuntato il suo sguardo su quelle francesi del Sei-Settecento, in particolare, su quella di Luigi xiv. Osservare come il Re Sole risolse i suoi problemi gli è parso di attualità proprio in quanto, ai suoi occhi, il sovrano francese si venne a trovare alla svolta di un sistema di vita e di potere che aveva investito tutto il nostro continente» (A. Tenenti, Introduzione all’edizione italiana, in Elias, La società di corte, cit., pp. 8-9).
9. C. Mozzarelli, G. Olmi (a cura di), La Corte nella cultura e nella storiografia. Immagini e posizioni tra Otto e Novecento, Bulzoni, Roma 1983 (“Europa delle Corti”. Centro studi sulle società di Antico Regime. Biblioteca del Cinquecento, 21).
10. M. Meriggi, Corte e società di massa: Vienna 1806-1918, in Mozzarelli, Olmi (a cura di), La Corte nella cultura e nella storiografia, cit., p. 137.
11. G. Ricuperati, I Lumi, gli intellettuali e la Corte, in Mozzarelli, Olmi (a cura di), La Corte nella cultura e nella storiografia, cit., p. 35, ove si prospetta almeno per il Settecento una divaricazione crescente fra corte, fondamentalmente statica e Stato, caratterizzato da sistemi di potere più dinamici e, a differenza dei secoli precedenti, una decisa opposizione degli intellettuali alla corte (pp. 38-40).
12. A. Biondi, Forme di storie e immagini di corte tra Umanesimo e Barocco, in Mozzarelli, Olmi (a cura di), La Corte nella cultura e nella storiografia, cit., pp. 24-5.
13. Mozzarelli, Olmi, Premessa, in La Corte nella cultura e nella storiografia, cit., p. 8.
14. «Se dopo Rousseau e Kant l’etica occidentale è radicalmente cambiata, la nostra esperienza di lettura di testi come Il Cortigiano finisce per assomigliare da vicino a quella dell’archeologo delle civiltà scomparse» (Quondam, Introduzione a B. Castiglione, Il Cortigiano, i, cit., p. lxxxvii).
15. Elias, La società di corte, cit., p. 321.
16. Ivi, p. 376.
17. Ivi, p. 30.
18. R. Chartier, Préface à Elias, La société de cour, Flammarion, Paris 1985, p. 24.
19. J. Duindam, Norbert Elias e la corte d’età moderna, in “Storica”, 16, 2000, pp. 7-30, al quale rinvio per una esaustiva bibliografia per gli studi ispirati a Elias e per le nuove prospettive di ricerca. Una più ampia trattazione della fortuna e dei limiti del modello elasiano è in Id., Mythes of Power. Norbert Elias and Early Modern European Court, Amsterdam University Press, Amsterdam 1995.
20. O. Chaline, “Combien de royaumes nous ignorent”: la cour dans l’historiographie française, in “Annali di Storia moderna e contemporanea”, 2, 1996, pp. 384-400, in particolare p. 384.
21. E. Le Roy Ladurie (avec la collaboration de J.-F. Fitou), Saint-Simon ou le système de la Cour, Fayard, Paris 1997, Annexe 1, pp. 515-20 e in particolare p. 517.
22. Cfr. D. Gordon, Citizens Without Sovereignty. Equality and Sociability in French Thought, 1670-1789, Princeton University Press, Princeton 1994.
23. T. Dean, Le corti. Un problema storiografico, in G. Chittolini, A. Molho, P. Schiera (a cura di), Origini dello Stato. Processi di formazione statale in Italia tra medioevo ed età moderna, Il Mulino, Bologna 1994 (Annali dell’Istituto storico italo-germanico. Quaderno 39), pp. 425-66 e in particolare pp. 430-1.
24. P. Burke, Le fortune del Cortegiano. Baldassare Castiglione e i percorsi del Rinascimento europeo, Donzelli, Roma 1998, (ed. or. London 1995).
25. Tra Cinque e Seicento si pubblicarono in Italia circa 62 edizioni del testo; nel xvi secolo: 3 o 4 negli anni Venti, 13 negli anni Trenta, 13 negli anni Quaranta, 10 negli anni Cinquanta, 9 negli anni Sessanta, 4 negli anni Settanta, 4 negli anni Ottanta, 2 negli anni Novanta; 3 nella prima decade del xvii secolo (ivi, pp. 40-6).
26. Ivi, p. 66.
27. Burke, Le fortune del Cortegiano, cit., pp. 137 ss.
28. Il conte Camillo Castiglione, figlio di Baldassare, fu avvertito nel 1576 della necessità di espurgare il testo. Il Cortegiano emendato si pubblicò la prima volta nel 1584. Cfr. V. Cian, Un episodio della storia della censura in Italia nel secolo xvi: l’edizione spurgata del Cortegiano, in “Archivio storico lombardo”, 1887, pp. 661-727.
29. B. Castori, Institutione civile e cristiana per uno che desideri vivere tanto alla corte quanto altrove onoratamente e christianamente, appresso Alessandro Zanetti, Roma 1622. Cfr. anche Y. De Paris, Gentilhomme chréstien, D. Thierry, Paris 1666.
30. Il riferimento è soprattutto a L’honneste homme ou l’art de plaire à la cour di Nicolas Faret, figlio di un artigiano provenzale che pubblicò nel 1630 un fortunato manuale sul comportamento a corte in cui saccheggia Castiglione senza mai citarlo. Il volume ebbe dodici edizioni tra il 1630 e il 1681. Su quest’opera cfr. J. Revel, Gli “usi” delle buone maniere, in Ariès, Duby, La vita privata dal Rinascimento all’Illuminismo, cit., pp. 125-60 e in particolare pp. 150-1.
31. C. Ossola, Rinascimento e Risorgimento. Punti di interferenza, in Mozzarelli, Olmi (a cura di), La corte nella cultura e nella storiografia, cit., pp. 205-36, in particolare p. 213. Il riferimento al diverso giudizio di Burckhardt che individua il nesso Stato-corte è a p. 229.
32. R. G. Asch, Introduction: Court and Household from the Fifteenth to the Seventeenth Centuries, in R. G. Asch, A. M. Birke (eds.), Princes, Patronage and the Nobility. The Court at the Beginning of the Modern Age, The German Historical Institute, London and Oxford University Press, Oxford-London 1991, p. 5.
33. Ivi, p. 10.
34. Ivi, p. 9.
35. M. Aymard, M. A. Romani, La cour comme institution économique, in La cour comme institution économique, sous la direction de M. Aymard et M. A. Romani, douxième Congrès international d’histoire économique, Séville-Madrid, 24-28 août 1998, Éditions de la Maison des Sciences de l’Homme, Paris 1998, pp. 1-14, in particolare p. 7.
36. M. Cattini, M. A. Romani, Le corti parallele: per una tipologia delle corti padane dal xiii al xvi secolo, in G. Papagno, A. Quondam (a cura di), La corte e lo spazio: Ferrara estense, Bulzoni, Roma 1982, i, pp. 47-78.
37. J. Adamson, The Making of the Ancien-Régime Court 1500-1700, in J. Adamson (ed.), The Princely Courts of Europe. Ritual, Politics and Culture under the Ancien Régime 1500-1750, Weidenfeld and Nicolson, London 1999, pp. 7-41, citazione da p. 7.
38. Ivi, p. 10.
39. Ivi, p. 39.
40. Ivi , p. 41.
41. Sulla complessa e intricata situazione territoriale della Borgogna in rapporto alla Francia cfr. W. Blockmans, La position du Comté de Flandre dans le royaume à la fin du xve siècle, in La France de la fin du xve siècle: renouveau et apogée, Éd. du cnrs, Paris 1985, pp. 71-89.
42. W. Blockmans, A. Janse, H. Kruse, R. Stein, From Territorial Courts to One Residence. The Low Countries in the Late Middle Ages, in Aymard, Romani, La cour comme institution économique, cit., pp. 17-20.
43. R. Domínguez Casas, Arte y etiqueta de los Reyes Católicos. Artistas, Residencias jardines y bosques, Alpuerto, Madrid 1993.
44. A. Alvar Ezquerra, Felipe ii, la corte y Madrid en 1561, Consejo Superior de Investigaciones Científicas, Madrid 1985.
45. B. Chevalier, Les bonnes villes de France du xive au xvie siècle, Aubier, Paris 1982.
46. Ordonnances des rois de France de la troisième race, Paris 1723-1849, vol. 19, p. 539, cit. da H. A. Lloyd, La nascita dello stato moderno nella Francia del Cinquecento, Il Mulino, Bologna 1986, p. 102.
47. B. Chevalier, Pouvoir central et pouvoir des bonnes villes en France aux xive-xve siècles, in S. Gensini (a cura di), Principi e città alla fine del Medioevo, San Miniato, Pisa 1996 (Pubblicazioni degli Archivi di Stato e del Centro Studi della Civiltà del Medioevo), pp. 53-75, in particolare p. 59.
48. Id., Tour, ville royale (1356-1520): origine et développement d’une capitale à la fin du Moyen Age, Vander-Nauwelaerts, Louvain-Paris 1975.
49. R. J. Knecht, The Court of Francis i, in “European Studies Review”, vol. 8, 1, January 1978, p. 17.
50. J. Boutier, A. Dewerpe, D. Nordman, Un tour de France royal. Le voyage de Charles ix (1564-66), Aubier, Paris 1984, p. 195.
51. Ivi, pp. 25-6.
52. W. R. Newton, L’espace du roi. La cour de France au château de Versailles 1682-1789, Préface de J.-P. Babelon, Fayard, Paris 2000, p. 17.
53. W. Paravicini, The Court of the Duke of Burgundy. A Model for Europe?, in Asch, Birke (eds.), Princes, Patronage and the Nobility, cit. p. 70.
54. W. Paravicini, Structure et fonctionnement de la cour bourguignonne au xve siècle, in J. M. Cauchies, G. Chittolini (a cura di), Milano e Borgogna. Due stati principeschi tra Medioevo e Rinascimento, Bulzoni, Roma 1990, p. 69.
55. Ivi, p. 70. Cifre dettagliate sulla Household di Filippo il Buono tra 1426 e 1450 sono in Blokmans, Janse, Kruse, Stein, From Territorial Courts to One Residence, cit., p. 21, tab. 4.
56. Paravicini, Structure et fonctionnement, cit., p. 71; Id., The Court of Duke of Burgundy, cit., pp. 78-9.
57. M. Th. Caron, D. Clauzel, J. Rauzier, M. Sommier, La cour des ducs de Bourgogne (1369-1477) consommation et redistribution, in Aymard, Romani, La cour comme institution économique, cit., pp. 32-3 (intervento di Jean Rauzier).
58. Paravicini, The Court of the Duke of Burgundy, cit., p. 86.
59. O. Cartellieri, La Cour des ducs de Bourgogne, trad. fr., Payot, Paris 1946, pp. 72-4.
60. W. Prevenier, W. Blockmans, Les Pays Bas bourguignons, A. Michel, Paris 1986, pp. 275-304.
61. Knecht, The Court of Francis i, cit., pp. 2-3.
62. Ivi, p. 7. J. F. Solnon, La cour de France, Fayard, Paris 1987, pp. 44-5.
63. C. Loyseau, Cinq Livres du Droit des Offices, Paris 1610, p. 442, in Knecht, The Court of Francis i, cit., p. 1.
64. J. Boucher, L’évolution de la maison du Roi: des derniers Valois aux premiers Bourbons, in “xviie siècle”, 137, 1982, pp. 359-79, in particolare p. 361.
65. In particolare sulla corte di Enrico iii di Valois, cfr. Ead., La cour d’Henry iii, Éd. Ouest-France, Rennes 1986, anche Solnon, La cour de France, cit., pp. 141-4. Sulla iconografia reale dei Valois nella quale già con Carlo ix appare l’identificazione con il sole e il concetto che solo dal re derivi ogni “gloria” cfr. O. Chaline, The Valois and the Bourbon Courts c. 1515-1750, in Adamson (ed.), The Princely Courts of Europe, cit., pp. 67-93, in particolare p. 88.
66. Cfr. ad esempio il recente contributo di C. Michon, Les richesses de la faveur à la Renaissance, Jean de Lorraine (1448-1550) e François premier, in “Revue d’histoire moderne et contemporaine”, 50/3, 2003, pp. 34-61.
67. J. Boucher, La commistione tra Corte e Stato in Francia sotto gli ultimi Valois, in “Cheiron”, 1983, pp. 93-130, in particolare p. 111.
68. Ivi, p. 122.
69. Boucher, L’évolution de la Maison du Roi: des derniers Valois aux premiers Bourbons, cit., pp. 366-7.
70. M. Rivero Rodríguez, De la separación a la reunión dinástica: la Corona de Aragón entre 1504 y 1516, in La Corte de Carlos i, primera parte: Corte y Gobierno, vol. i, a cura di J. Martínez Millán, La Corte de Carlos v, Sociedad Estatal para la Conmemoración de los Centenarios de Felipe ii y Carlos v, Madrid 2000, pp. 73-101, in particolare pp. 80-1. Sul Consiglio cfr. J. Arrieta Alberdi, El Consejo Supremo de la Corona de Aragón (1494-1707), Institución Fernando el Católico, Zaragoza 1994.
71. M. A. Ladero Quesada, Casa y Corte. L’Hôtel du roi et la Cour comme institutions économiques au temps des Rois Catholiques (1480-1504), in Aymard, Romani, La Cour comme institution économique, cit., p. 44; G. Redworth, F. Checa, The Kingdoms od Spain. The Courts of the Spanish Habsburg 1500-1700, in Adamson (ed.), The Princely Courts, cit., p. 44-66, in particolare pp. 43-4.
72. Ladero Quesada, Casa y Corte, cit., pp. 49-50.
73. Ivi, p. 49.
74. Ivi, p. 46. Sui continos cfr. ora J. Martínez Millán, I. Ezquerra, La integración de las élites sociales en las monarquías dinasticas. Los continos, in J. Bravo Lozano (ed.), Espacios de poder: cortes, ciudades y villas (s. xvi-xviii), “Actas del Congreso celebrado en la Residencia de la Cristalera”, Universidad Autónoma, Madrid, octubre de 2001, Universidad Autónoma de Madrid, Madrid 2002, vol. i, pp. 339-80, in particolare pp. 351-2.
75. Sulla sopravvivenza della Casa d’Aragona «como Casa particular» con la sua Cancelleria e Tesoreria anche per ragioni politiche di elargizione «de gracia y favor» ai sudditi della Corona d’Aragona, cfr. M. Rivero Rodríguez, La corte del emperador y el gobierno de la Corona de Aragón, in La Corte de Carlos v, primera parte, Corte y Gobierno, vol ii, pp. 49-53. Sulla continuità della Casa di Castiglia cfr. C. J. De Carlos Morales, La continuidad de la Casa de Castilla y su presencia en el séquito imperial, ivi, pp. 85-93.
76. C. J. De Carlos Morales, La evolución de la Casa de Borgoña y su Hispanización, ivi, pp. 67-77.
77. G. Redworth, F. Checa, The Kingdoms of Spain. The Courts of the Spanish Habsburg 1500-1700, cit., p. 50.
78. T. F. Ruiz, Une royauté sans sacre: la monarchie castillane, in “Annales e.s.c.”, xxxix/3 (1984), pp. 429-53.
79. J. H. Elliott, The Court of the Spanish Habsburgs: a Peculiar Institution?, in Id., Spain and its World. 1500-1700. Selected Essays, Yale University Press, New Haven-London 1989, pp. 142-61. Ora S. Fernández Conti, La introdución de la etiqueta borgoñona y el viaje de 1548-51, in La Corte de Carlos v, primera parte: Corte y Gobierno, cit., vol ii, pp. 210-25.
80. Cfr. i saggi del volume J. Martínez Millán (ed.), Instituciones y élites de poder en la Monarquía hispana durante el siglo xvi, Universidad Autónoma de Madrid, Madrid 1992.
81. M. Rodríguez-Salgado, Honour and Profit in the Court of Philip ii of Spain, in Aymard, Romani, La cour comme institution économique, cit., p. 77.
82. M. Rodríguez-Salgado, The Court of Philip ii of Spain, in Asch, Birke (eds.), Princes, Patronage and Nobility, cit., p. 215.
83. M. J. Del Rio Barredo, Madrid Urbs Regia. La capital ceremonial de la Monarquía Católica, Prologo de Peter Burke, Marcial Pons, Madrid 2000, pp. 220-1. Sulla coesistenza nella città della giurisdizione degli Alcades de Casa y Corte, legata al Consiglio di Castiglia e quella della municipalità cfr. A. Alvar Ezquerra, Madrid: dos ciudades en una, in Bravo Lozano (ed.), Espacios de poder, cit., vol. ii, pp. 335-44.
84. A. Nuñez De Castro, Libro historico político, Solo Madrid es Corte, y el Cortesano en Madrid, por Domingo Garcia Morras, 1669 (segunda impressión), pp. 23-36. Il paragone con la fenice è a p. 36.
85. J. Martínez Millán (dir.), La corte de Felipe ii, Alianza Universidad, Madrid 1994.
86. F. Benigno, L’ombra del Re. Ministri e lotta politica nella Spagna del Seicento, Marsilio, Venezia 1992.
87. B. Guillemain, La cour pontifical d’Avignon (1309-1376). Étude d’une société, E. de Boccard, Paris 1966, p. 697.
88. M. A. Visceglia, Denominare e classificare: “Familia” e familiari del papa nella lunga durata dell’età moderna, in A. Jamme, O. Poncet (a cura di), Offices et papauté (xive- xviie siècle), in corso di stampa, Rome.
89. I. Ait, I fiorentini nella Roma di Leone x e di Clemente vii, in Una “Gerusalemme” toscana sullo sfondo dei due giubilei: 1500-1525, a cura di G. Gensini, Edizioni del Galluzzo, Firenze 2004, pp. 31-56.
90. P. Partner, The Pope’s Men. The Papal Civil Service in the Renaissance, Clarendon Press, Oxford 1990, pp. 178-9.
91. L’espressione è di Giorgio Chittolini in Id., Alcune ragioni per un convegno, in Roma capitale (1447-1527), Fondazione Centro-studi sulla civiltà del tardo Medioevo, San Miniato 1994, pp. 1-14, in particolare p. 5.
92. Visceglia, Denominare e classificare, cit.
93. M. Fantoni, Il potere dello spazio. Principi e città nell’Italia dei secoli xv-xvii, Bulzoni, Roma 2002, pp. 152-203. Sulle modalità del transfert di sacralità ai principi cfr. anche M. A. Visceglia, Riti, simboli cerimonie in Italia nella prima età moderna. Una riflessione storiografica comparativa, in Ead., La città rituale. Roma e le sue cerimonie in età moderna, Viella, Roma 2002, pp. 9-51.
94. Cérémonial et rituel à Rome (xvie-xixe siècle), Études réunies par M. A. Visceglia et C. Brice, École Française de Rome, Rome 1997.
95. Sulla Domus Lateranensis come archetipo di sacro palazzo derivato dalla tradizione imperiale cfr. recentemente Fantoni, Il potere dello spazio, cit., pp. 19-26. Sulla lunga proiezione temporale della corte imperiale romana cfr. M. Pani, La corte dei Cesari fra Augusto e Nerone, Laterza, Bari 2003, in particolare pp. 3-15.
96. Cfr. ora M. T. Gigliozzi, I palazzi del papa. Architettura e ideologia: il Duecento, Viella, Roma 2003, con alcuni grafici che visualizzano la frequenza del tempo trascorso dai papi nelle residenze di Anagni, Assisi, Viterbo, Orvieto, Rieti e Montefiascone.